Giovedì 28 Gennaio 2021 | 03:40

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

Maratea, peschereccio illegale con 4Km di rete

Gli uomini della Guardia costiera hanno sequestrato 4 chilometri di reti derivanti, meglio conosciute come «ferrettare», utilizzate per la pesca del pesce spada. L’operazione ha interessato il tratto di mare compreso tra Maratea e Diamante (Cosenza) e ha portato al ritrovamento, a bordo di un peschereccio, della rete vietata. La rete era ancora bagnata, segno che era stata da poco utilizzata ma nessun pesce è stato trovato nella trappola, probabilmente era stato già sbarcato
Maratea, peschereccio illegale con 4Km di rete
di PINO PERCIANTE 

MARATEA - Operazione della Capitaneria di porto di Maratea contro la pesca illegale. Gli uomini della Guardia costiera hanno sequestrato 4 chilometri di reti derivanti, meglio conosciute come «ferrettare», utilizzate per la pesca del pesce spada. L’operazione ha interessato il tratto di mare compreso tra Maratea e Diamante (Cosenza) e ha portato al ritrovamento, a bordo di un peschereccio, della rete vietata lunga complessivamente 4 chilometri. La rete era ancora bagnata, segno che era stata da poco utilizzata ma nessun pesce è stato trovato nella trappola perché probabilmente era stato già sbarcato. Obiettivo dell’operazione della Guardia costiera di Maratea quello di salvaguardare gli interessi ambientali, faunistici e dell’ecosistema marino in genere della fascia litoranea dell’alto tirreno cosentino e, allo stesso tempo, contrastare l’uso di attrezzi da pesca vietati all’interno di tale area. Solitamente per la maggior parte di tali attrezzi dopo il sequestro si procede alla confisca e successivamente alla distruzione. Le «ferrettare», come le «spadare » sono trappole che potrebbero causare non pochi danni all’ecosistema marino. Per questa ragione il loro utilizzo è consentito solo se autorizzato dal Ministero delle Politiche Agricole, in quanto un utilizzo indiscriminato è causa del depauperamento della fauna ma soprattutto della flora marina. E a Maratea si sta lavorando per l’istituzione dell’area marina protetta. Il sequestro della «ferrettara» è stato effettuato da parte degli uomini dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Maratea con la collaborazione degli Uffici Marittimi di Praia e Diamante, coordinati dal Tenente di Vascello Gianluca Traversa. L’operazione si inserisce nel solco di una più ampia attività di vigilanza e controlloa protezione dell’intera filiera ittica che vede impegnato il personale della Guardia Costiera già da lungo tempo. Si tratta di un’ attività avviata sull’intero territorio interno e costiero compreso tra i Comuni di Maratea e Diamante da parte dei reparti locali della Guardia Costiera. Frattanto prosegue l’attenta azione di sorveglianza e pattugliamento delle acque da parte del personale della Guardia costiera. In questi giorni sono in corso controlli ai depuratori sia costieri che interni della zona compresa tra Maratea e Diamante, e agli stabilimenti balneari per il rispetto delle norme in materia di demanio marittimo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie