Sabato 23 Gennaio 2021 | 16:00

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LeccePuglia, cinema e tv
Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

 
TarantoIl caso
Taranto, poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati medici

Poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati i medici

 
FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito un altro

 
TarantoLa decisione
Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
BrindisiL'inchiesta
Fasano, maxi-truffe on line scoperta su scala nazionale: rinviato a giudizio

Fasano, maxi-truffe on line scoperte su scala nazionale: rinviato a giudizio imprenditore

 

i più letti

Imprenditrice: da  un anno le Asl  non mi pagano

Lo sfogo-denuncia della titolare di una ditta lucana che si occupa di forniture ospedaliere in Basilicata. Come si giustificano le Asl di fronte al loro mancato pagamento? «Scaricano tutto sulla Regione. Mi dicono che da via Anzio non arrivano soldi e che quindi hanno problemi di liquidità».  
Imprenditrice: da  un anno le Asl  non mi pagano
È titolare di un’azienda che si occupa di forniture ospedaliere. Da aprile 2008 non ha ricevuto un solo euro dalle Asl con cui ha rapporti di lavoro e la situazione comincia a diventare insostenibile. Lei è un’imprenditrice del Potentino che preferisce mantenere l’ano nimato perché ha paura di ritorsioni: «Sono già con l’ac - qua alla gola, avanzo circa 500mila euro. Non vorrei - dice - che di fronte a una mia denuncia si verificassero ulteriori problemi per la mia azienda». 

Perché solo a distanza di un anno ha deciso di denunciare l’accaduto? «Speravo sempre che prima o poi la situazione si risolvesse. E invece siamo al punto di partenza. Già nel 2008 ho accumulato un credito notevole, ma anche in questi primi sei mesi del 2009 non sono stata pagata». 

Come si giustificano le Asl di fronte al loro mancato pagamento? «Scaricano tutto sulla Regione. Mi dicono che da via Anzio non arrivano soldi e che quindi hanno problemi di liquidità». 

Si è rivolta alla Regione per capire le ragioni dell’impasse? «No, perché non saprei a chi chiedere. Non ho santi in paradiso o amici potenti, pertanto non avrei avuto udienza». 

Prima di aprile 2008 i pagamenti erano regolari? «Per una fattura bisognava aspettare minimo otto mesi. Ma da gennaio scorso la situazione si è ulteriormente aggravata. Le Asl sono in liquidazione, si va verso un accorpamento e quindi credo che questo percorso burocratico abbia reso ancora più difficile tutto l’iter». Lei parla di otto mesi per un pagamento. In genere nei contratti si fa riferimento a un massimo di tre mesi... «Già, anche nel nostro caso è così, ma il termine non è stato mai rispettato come nel caso della Asl 3 e Asl 5». 

Perché non si è rivolto a un avvocato? «Perché avevo paura di ritorsioni. Ma ora non ho più nulla da perdere e credo proprio che avvierò un’azione legale, seguendo l’esempio di altri miei colleghi». 

Le risulta, quindi, che qualcuno abbia deciso di percorrere la via giudiziaria? «Sì, anche perché pare che ci sia un’azione di pignoramento ai danni di qualche Asl. In questo momento ho un mandato in banca, ma non mi accreditano i soldi perché l’azienda sanitaria con cui ho un contratto ha in corso proprio un pignoramento». 

Nel frattempo come farà ad andare avanti? «Sono davvero in difficoltà. Non riesco a pagare i miei fornitori e tra un mese dovrò chiudere o scappare. Dove li prendo i soldi? Li dovrò chiedere alle banche che sono più rigide di sempre oppure chiedere l’aiuto di uno strozzino. Tutto il sistema sanitario, insomma, mi sta spingendo verso gli usurai. E credo che come me ci siano altri imprenditori alle prese con mancati pagamenti». 

Il grido d’allarme dell’imprenditrice riecheggia nel palazzo della Regione. Ma l’assessore alla Sanità, Antonio Potenza, tende a minimizzare: «È vero che c’è stato qualche problema dovuto alla mancanza di liquidità. Tra pagare quelli che forniscono manodopera e chi dà macchinari, le Asl hanno optato per dare i soldi ai lavoratori. Mi risulta comunque - aggiunge Potenza - che i pagamenti delle fatture siano arrivate a novembre 2008. E poi da gennaio scorso non dovrebbero esserci ritardi». 

L’imprenditrice rileva, invece, che proprio da gennaio, da quando cioé è stato avviato il processo che porterà alla riduzione delle aziende sanitarie, tutto il meccanismo si è ulteriormente inceppato: «Non escludo categoricamente che non ci siano problemi, ma vorrei far rilevare - dice ancora Potenza - che la Regione Basilicata in tutta Italia è riconosciuta come l’unica che paga in sessanta, novanta giorni. Può accadere qualche problema, com’è accaduto, ma, ripeto, di fronte agli stipendi da erogare alla manodopera e ai pagamenti dei fornitori di macchinari si è preferito accelerare i versamenti per i primi». Dimenticando, forse, che anche nelle aziende fornitrici c’è chi lavora e vive con uno stipendio.

MASSIMO BRANCATI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie