Martedì 26 Gennaio 2021 | 20:36

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
Bariemergenza Covid
Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto e 4 feriti. Uno è in gravi condizioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

i più letti

Stalking, il giudice ordina: «sta lontano dalla tua ex»

di EMILIO OLIVA 
Il gip di Matera, Rosa Bia, ha emesso una «ordinanza cautelare inibitoria, in relazione ad atti persecutori » nei confronti di un impiegato di 47 anni di Matera, già ammonito in precedenza dal questore di Matera. Il provvedimento segue alla denuncia fatta due settimane fa dalla ex convivente. L’eventuale inosservanza del provvedimento potrebbe far scattare anche l’arresto
Stalking, il giudice ordina: «sta lontano dalla tua ex»
di EMILIO OLIVA 

MATERA - Non lo aveva fermato neppure un ammonimento del questore, Carmelo Gugl i o t t a . Da tre mesi non perdeva occasione per perseguitare la sua ex convivente pedinandola o tempestandola di sms a qualunque ora del giorno e della notte. Le inviava messaggi del tipo: «Io ti vedo sempre... ora sei a prendere il caffè dalla tua amica». Oppure: «Ho comprato un binocolo a raggi infrarossi per vederti di giorno e di notte ». Ma non avrebbe esitato anche a inquietarla con velate minacce o con frasi sibilline. «Quanti sono gli anni di disgrazia quando si rompe uno specchio?». «Come sono le previsioni per questo fine settimana? Spero stupendo come quello scorso. Carico di adrenalina». E infine: «Meno male che ho tante conoscenze anche tra le forze dell’ordine». 

Il tenore dei messaggi avrebbe avuto l’effetto di caricare di ansia e di paura la donna, sconvolgendole gli abituali ritmi di vita. Stanca delle molestie, l’ex convivente, una precaria, separata e con un figlio minorenne a carico, si è decisa a raccontare tutto alla polizia, così come aveva fatto alcuni mesi prima, e le sue dichiarazioni hanno motivato il giudice per le indagini preliminari, Rosa Bia, a firmare una “ordinanza cautelare inibitoria, in relazione ad atti persecutori” nei confronti del molestatore. Si tratta di un impiegato di 47 anni. Con la donna aveva convissuto per una decina d’anni. Fino a quando la relazione non era entrata in crisi e lei aveva deciso di lasciarlo. Non immaginava però che lui l’avrebbe presa molto male e che la fine del rapporto sarebbe diventata l’inizio di un incubo, coinvolgendo anche il figlio avuto dal precedente matrimonio. 

Nell’agosto scorso l’ex convivente ha cominciato a pedinarla, a spiarla, a inseguirla. Ha preso a suonare al campanello di casa, a telefonare, a inviare sms. Azioni che per la frequenza, l’ostinazione e il fine persecutorio hanno reso la vita impossibile alla donna e a suo figlio. L’ordinanza di inibitoria, la prima nel Materano, ma anche tra le poche adottate in Italia, è una delle misure introdotte dalla nuova legge contro lo stalking, come viene definito in gergo il fenomeno delle molestie. Prevede una serie di divieti, come ad esempio avvicinarsi ai luoghi frequentati dall’ex convivente, a cominciare dall’abitazione e dalla scuola frequentata dal figlio. Impone al molestatore di mantenersi ad una distanza non inferiore ai cento metri e gli vieta di comunicare con qualsiasi mezzo, telefonate o sms. 

Il provvedimento, che in caso di inosservanza potrebbe far scattare l’arresto, era stato richiesto dal pubblico ministero Rosanna De Fraia in seguito alla denuncia fatta due settimane prima dalla vittima. I tempi della giustizia, come si può constatare, questa volta sono stati celeri. A darne notizia, ieri mattina, in una conferenza stampa convocata in Questura, sono stati il dirigente della Squadra Mobile, Nicola Fucarino, Osvaldo Miccolis, funzionario della sezione Anticrimine, e Vito Cicirelli, della II sezione della Squadra Mobile, che si occupa di reati in danno di minori e sessuali e per i reati contro la persona, alla quale era stato affidato il caso. Al vaglio del personale della sezione sono altri cinque casi di stalking, uno dei quali vede una donna protagonista di molestie nei confronti del suo ex.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie