Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 09:17

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, 70 vigilantes a rischio nell’ex azienda del dg Arpal

Bari, 70 vigilantes a rischio nell’ex azienda del dg Arpal

 
HomeNel Tarantino
Grottaglie, trovato cadavere in un capannone: indagato per omicidio colposo titolare ditta edile

Grottaglie, trovato cadavere in un capannone: indagato per omicidio colposo titolare ditta edile

 
LecceSangue amaro
Rifiuti, sgominato traffico illecito anche a Lecce e Oria: 7 arresti

Rifiuti, sgominato traffico illecito anche a Lecce e Oria: 7 arresti

 
BrindisiIl caso
Brindisi, prende padellata in testa dalla compagna: scatena un putiferio al Perrino

Brindisi, prende padellata in testa dalla compagna: scatena un putiferio al Perrino

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

Scioperi a Melfi La Fiat: così 7.000 auto in meno

di FRANCESCO RUSSO
L’iniziativa di protesta dei lavoratori della Plastic components e della Magneti Marelli a tutela degli interinali ed il conseguente blocco delle attività nello stabilimento Sata di San Nicola di Melfi hanno determinato, in una settimana, una perdita di produzione pari a settemila auto (1.500 al giorno). A renderlo noto è la stessa casa torinese. 
• Ieri, al ministro del lavoro Maurizio Sacconi (Pdl), a Potenza: fischi all'ingresso, applausi all'uscita
• Il presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo: la Fiat risolva il problema dei lavoratori precari
Scioperi a Melfi La Fiat: così 7.000 auto in meno
MELFI - L’iniziativa di protesta dei lavoratori della Plastic components e della Magneti Marelli a tutela degli interinali ed il conseguente blocco delle attività nello stabilimento Sata di San Nicola di Melfi hanno determinato, in una settimana, una perdita di produzione pari a settemila auto (1.500 al giorno). A renderlo noto in un comunicato è la stessa casa torinese. 

«Le agitazioni sindacali - fa sapere la Fiat - stanno bloccando, per mancanza di fornitura di componenti, l’attività dello stabilimento Fiat, che occupa circa 5.000 persone. Al blocco sono interessate anche le aziende dell’indotto». Nel comunicato, l’azienda spiega che «in un momento in cui i provvedimenti di cassa integrazione ordinaria gravano pesantemente su molti dipendenti e sulle loro famiglie, la Fiat ha scelto di non ricorrere a nuovi contratti ma di impiegare temporaneamente lavoratori provenienti da altri stabilimenti del gruppo. Questo - si legge ancora - permette di ridurre il ricorso complessivo alla cig ordinaria e di mitigare gli effetti del provvedimento sui lavoratori, in coerenza con una gestione responsabile della crisi di mercato». 

Ed ecco l’attacco nei confronti dell’iniziativa degli operai di Melfi. «La protesta nata all’interno delle due aziende di componentistica - evidenziano dall’azienda - ha causato il blocco dell’attività nell’impianto di Melfi, con conseguenze negative sia per le migliaia di persone che lavorano nello stabilimento, che avranno evidentemente riflessi sul loro salario, sia per la Fiat, la cui perdita di produzione è pari fino ad oggi a circa 7.000 vetture. Tutto questo - evidenzia la Fiat - ha un impatto particolarmente pesante, perché avviene in un momento in cui il mercato dell’auto è ancora in forte sofferenza. Ciò nonostante, lo stabilimento di Melfi ha la possibilità di produrre a pieno ritmo, anche grazie al varo degli ecoincentivi governativi che stanno premiando le vetture più ecologiche, caratterizzate da ridotti consumi e basse emissioni. A partire dal mese di marzo, infatti - si legge nel comunicato - la Grande Punto prodotta nell’impianto lucano, ha registrato un ottimo andamento degli ordini, grazie anche alla disponibilità di versioni a metano e Gpl, permettendo all’azienda non solo di annullare la cassa integrazione programmata, ma addirittura di fare ricorso al lavoro straordinario. Il blocco delle attività produttive, che si traduce in una perdita di quasi 1.500 vetture al giorno - segnala l’azienda - costituisce quindi un gravissimo danno, perché compromette gli sforzi che si stanno facendo per cogliere importanti occasioni di mercato, in Italia e in Europa. Le mancate consegne stanno dando un vantaggio competitivo molto forte alla concorrenza. La Fiat - conclude la nota - denuncia all’opinione pubblica, alle istituzioni e ai sindacati la gravità di questa situazione, che sta provocando danni molto pesanti per i lavoratori e per l’azienda». 

Ed ecco i sindacati: il segretario provinciale della Uilm, Vincenzo Tortorelli auspica che «nelle prossime ore possa prevalere il senso di responsabilità per ristabilire le condizioni favorevoli alla ripresa del lavoro. I lavoratori precari lucani, a cui non è stato rinnovato il contratto, si aspettano dopo anni di precariato una risposta positiva che possa dare loro un futuro più sereno. La Uilm, pertanto - continua - si adopererà affinché possa prevalere la ragionevolezza sulle posizioni di chiusura della Magneti Marelli». Le organizzazioni sindacali, intanto, chiedono che in seguito ai ripetuti «senza lavoro» venga fatta richiesta di cassa integrazione per gli operai, mentre si attende di sapere quando potranno riprendere le attività nello stabilimento Sata. Oggi, giorno festivo, non si lavorerà. Il dubbio rimane sul terzo turno che dovrebbe iniziare stasera alle 22. 
di FRANCESCO RUSSO

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie