Venerdì 15 Gennaio 2021 | 17:57

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baril'ordinanza
Bitritto, oltre al Covid anche rischio crollo: scuola elementare chiusa fino al 31 gennaio

Bitritto, scuola elementare a rischio crollo: chiusa fino al 31 gennaio

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
PotenzaDifesa ambiente
No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
TarantoL'operazione
Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
FoggiaDalla polizia
Foggia, viola il divieto di avvicinamento alla ex: arrestato 59enne

Foggia, viola il divieto di avvicinamento alla ex: arrestato 59enne

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

San Gerado violato da lite tra potentini e cavalieri materani

di MASSIMO BRANCATI
Tutto nascerebbe dalla stupida rivalità tra Potenza e Matera, che qualcuno, durante il tradizionale pranzo dei «portatori» in piazza Mario Pagano per il santo patrono potentino, ha tradotto in una scritta sulla maglietta («Odio la Bruna»), in riferimento alla festa di Matera. Tensione alle stelle, dunque, pochi minuti prima dell’inizio dello storico corteo in cui avrebbero dovuto trovare spazio sedici splendidi cavalli delle associazioni materane. Animali e cavalieri tutti rispediti a casa prima della processione 
• Il sindaco di Potenza: niente vino oggi in piazza
• Sindaco di Matera: rapporti di amicizia con Potenza
San Gerado violato da lite tra potentini e cavalieri materani
di MASSIMO BRANCATI 

POTENZA - Una festa rovinata dalle distorsioni di un campanilismo che rasenta la follia. A qualche giovane potentino (non è chiaro se appartenente ai «portatori del santo») sono saltati i nervi. Tre cavalieri materani delle associazioni Lanzifera ed Equituristica, inseriti tra i protagonisti della processione dei turchi, sarebbero stati aggrediti. Difficile dire se accanto agli sfottò ci sia stato qualcosa di fisico, spintoni, calci o schiaffi. La stessa polizia, che ha portato in questura alcuni giovani per ricostruire l’accaduto, non ha in mano elementi per dire cosa esattamente sia accaduto. Anche se, ad onor del vero, uno degli aggrediti ieri sera girava con un labbro gonfio. 

Tutto nascerebbe dalla stupida rivalità tra Potenza eMatera, sdoganata dai campi di calcio, che qualcuno, durante il tradizionale pranzo dei «portatori» in piazza Mario Pagano, ha tradotto in una scritta sulla maglietta («Odio la Bruna»), in riferimento alla festa di Matera. Tensione alle stelle, dunque, pochi minuti prima dell’inizio dello storico corteo in cui avrebbero dovuto trovare spazio sedici splendidi cavalli delle associazioni materane. Animali e cavalieri tutti rispediti a casa prima della processione. E, per giunta, sotto scorta. Lo ha disposto la questura per evitare problemi, anche perché il clima teso avrebbe potuto influenzare negativamente i cavalli, minando la sicurezza della folta platea. 
la sfilata dei turchi per santo patrono di Potenza (san Gerardo)
Davvero una brutta immagine per la città: «Sono davvero addolorato - dice il presidente onorario della Pro-Loco, Roberto Falotico - per quello che è accaduto. Non è possibile rovinare così una festa preparata con tanta passione. Così si macchia anche l’immagine della città in nome di un campanilismo assurdo». Parole a cui fa seguito la nota ufficiale della Pro Loco di Potenza, firmata anche dal presidente Giovanni De Marco, che esprime la propria solidarietà alle associazioni Lanzifera ed Equituristica: «L’azione di qualche balordo ha macchiato l’immagine di una festa che da sempre fa leva sull’amicizia tra i due capoluoghi lucani. È un episodio che la città non può tollerare e tanto meno una comunità responsabile e fautrice dell’unità regionale. Chiediamo agli organi competenti di fare piena luce sull’episodio e di usare «tolleranza zero» nei confronti dei colpevoli di questa vile agg ressione». 

Anche il sindaco della città, Vito Santarsiero, parla di un «episodio inqualificabile e ingiustificabile che - dice - condanniamo in maniera decisa. È un’ombra su giorni di festa che la città sta vivendo con gioia e con serenità. Chiediamo scusa a quanti sono stati oggetto dell’agg ressione». Inevitab ilmente sulla festa - che è riuscita a calamitare un pubblico numeroso - ha pesato come un macigno questo episodio. Così come c’è stato un alone di polemica attorno al sistema di accoglienza dei tanti ambulanti extracomunitari che hanno invaso il centro storico. I residenti hanno protestato perché molti di questi commercianti «coloured» hanno trasformato i vicoli di via Pretoria e i porticati di piazza Mario Pagano in accampamenti.

• Il sindaco di Potenza: niente vino oggi in piazza

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie