Martedì 19 Gennaio 2021 | 17:10

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'iniziativa
Bari, l'Accademia delle Belle Arti nell'ex Caserma Rossani: al via il progetto da 1 mln

Bari, l'Accademia delle Belle Arti nell'ex Caserma Rossani: al via il progetto da 1 mln

 
Foggiaparto record
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

 
TarantoLa protesta
Scuola e Covid, a Taranto gli studenti sigillano simbolicamente ingressi degli istituti

Scuola e Covid, a Taranto gli studenti sigillano simbolicamente ingressi degli istituti

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
PotenzaLa pandemia
Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Trappola per cinghiali nel Parco Murgia lucana

di CARMELA COSENTINO
Solo nel corso dell’ultimo anno i cinghiali nella zona sono aumentati in maniera esponenziale tanto da arrivare alle mille unità. «Un dato allarmante che ha procurato richieste di indennizzo per una cifra pari a 80mila euro (a fronte dei 5mila euro del 2007) per i danni subiti dalle aziende che operano nell’area». E c'è chi ha deciso di internenire da sè 
Trappola per cinghiali nel Parco Murgia lucana
di CARMELA COSENTINO

MATERA - Il Comando della Stazione del Corpo Forestale ha sequestrato una trappola abusiva, destinata con ogni probabilità alla cattura di cinghiali, nel Parco della Murgia materana. Il ritrovamento del dispositivo è avvenuto tre giorni fa nella zona di Sant’Andrea, in territorio di Montescaglioso. Solo nel corso dell’ultimo anno i cinghiali nella zona sono aumentati in maniera esponenziale tanto da arrivare alle mille unità. «Un dato allarmante che ha procurato richieste di indennizzo per una cifra pari a 80mila euro (a fronte dei 5mila euro del 2007) per i danni subiti dalle aziende che operano nell’area» , ha detto Roberto Cifarelli, presidente dell’Ente Parco nella conferenza stampa convocata ieri mattina nella sede di via Sette Dolori. 

«Per cercare di contenere il fenomeno è stato approvato il piano di gestione dei cinghiali che prevede la predisposizione di 10 gabbie, di cui 3 sono già sistemate all’interno dell’area. Nei prossimi giorni inizierà la cattura da parte dell’azienda vincitrice dell’appalto e il trasferimento degli animali in una struttura di ripopolamento situata in provincia di Potenza». 

Il sequestro eseguito dalla Forestale rientra nella costante attività di controllo e di monitoraggio del territorio che «ha portato negli ultimi due anni al sequestro di fucili e a quattro dispositivi per la caccia abusiva all’interno del Parco», ha detto il soprintendente Domenico Piazzolla. Ma è necessario intensificare i controlli. La gabbia sequestrata era installata in una zona di particolare valenza naturalistico- ambientale - ha sottolineato il comandante provinciale, Gualberto Mancini- che rientra nelle aree Sic (Siti di interesse comunitario) e Zps (Zone di protezione speciale) istituite nell’ambito della rete Natura 2000 proprio per la presenza di specie animali e vegetali protette». 
Adesso il dispositivo è stato sottoposto a sequestro preventivo e affidato in custodia all’Ente Parco. Le indagini sono state coordinate dal pubblico ministero Annunziata Cazzetta e proseguiranno con l’esame del materiale sequestrato che nei prossimi giorni potrebbe portare a ulteriori sviluppi della vicenda di bracconaggio nel Parco. I responsabili, una volta identificati, dovranno rispondere di attività venatoria illecita all’interno di un’area protetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie