Sabato 16 Gennaio 2021 | 16:58

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

NewsweekLa novità
Da Alberobello arriva il «Maradona dei fornelli»: convocato nella nazionale cuochi

Da Alberobello arriva il «Maradona dei fornelli»: convocato nella nazionale cuochi

 
LecceIl caso
L'Alpino camminatore in giro per l'Italia fa tappa a Porto Cesareo: «Viaggio per sensibilizzare sulla sclerosi tuberosa»

L'Alpino camminatore in giro per l'Italia fa tappa a Porto Cesareo: «Viaggio per sensibilizzare sulla sclerosi tuberosa»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Materala ripresa
Matera, dal 18 gennaio riaprono i musei «Ridola» e quello di Palazzo Lanfranchi

Matera, dal 18 gennaio riaprono i musei «Ridola» e di Palazzo Lanfranchi

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 
TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 

i più letti

Melfi, è boom produttivo per la Grande Punto

Il segretario lucano della Fiom-Cgil, Giuseppe Cillis, ha aggiunto che “al tavolo con la direzione aziendale, abbiamo chiesto che si proceda a nuove assunzioni, poichè con questi carichi di lavoro si raggiungerà il limite di sopportabilità fisica". In pratica l'azienda ha pianificato la necessità di lavorare anche di sabato fino alla fine del mese di luglio, per star dietro agli ordini 
Melfi, è boom produttivo per la Grande Punto
POTENZA - L'aumento della produzione della “Grande Punto” nello stabilimento di Melfi (Potenza) della Fiat, con la necessità di lavorare anche di sabato fino alla fine del mese di luglio, è stato annunciato dall’azienda ai sindacati nel corso di un incontro che si è svolto nel pomeriggio nella fabbrica lucana. Lo ha reso noto il segretario della Basilicata della Fiom-Cgil, Giuseppe Cillis, il quale ha aggiunto che “al tavolo con la direzione aziendale, abbiamo chiesto che si proceda a nuove assunzioni, poichè con questi carichi di lavoro si raggiungerà il limite di sopportabilità fisica. In questo senso – ha proseguito il sindacalista – riteniamo che, nell’ambito della vera solidarietà tra lavoratori, si assuma il 50 per cento di dipendenti provenienti da altri stabilimenti, e che l’altro 50 per cento sia riservato ai lavoratori lucani espulsi dall’indotto di Melfi e agli interinali (in totale sono mille) ai quali non è stato rinnovato il contratto”. 

La Fiat – secondo quanto riferito dal rappresentante della Fiom – ha annunciato il trasferimento a Melfi di alcuni dipendenti dello stabilimento di Imola (Bologna).

Inoltre Cillis ha espresso “soddisfazione perchè la posizione della Fiom-Cgil è stata sostenuta da tutte le altre sigle sindacali”. Durante la discussione con l’azienda, “abbiamo sottolineato - ha proseguito Cillis – che la Regione Basilicata ha raddoppiato, da tre a sei milioni di euro, il contributo per il Campus tecnologico di Melfi. Crediamo che, anche per questo, sia necessario assumere lavoratori lucani. In caso contrario – ha concluso il segretario della Fiom – chiederemo alla Regione di destinare quei tre milioni aggiuntivi alle persone che hanno perso il lavoro”.

UILM INDISPONIBILE A STRAORDINARI
La Uilm ha dichiarato la propria  «indisponibilità» all’orario plurisettimanale (lavoro anche  di sabato) a Melfi (Potenza) – dove si produce la «Grande  Punto» – «a meno che che la Fiat non sia disponibile a  misurarsi concretamente sul recupero della 'centralità  strategicà dello stabilimento lucano». 
In una dichiarazione, il segretario provinciale di Potenza,  Vincenzo Tortorelli, ha sottolineato che «bisogna mettere  ordine nel ginepraio dei rapporti di lavoro sia all’interno  della Sata-Fiat che dell’indotto. Lavorare di più – ha spiegato  il sindacalista – deve significare guadagnare di più. Produrre  di più deve servire, in prospettiva, ad occupare di più,  partendo dagli esuberi dell’indotto attualmente in mobilità e  dai lavoratori della Ergom che, dopo 36 mesi di lavoro, sono  stati mandati a casa senza alcun ammortizzatore». Per la Uilm,  «occorre che la Fiat garantisca a luglio i 1.100 euro  dell’accordo integrativo ai lavoratori di Melfi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie