Giovedì 21 Gennaio 2021 | 10:24

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel foggiano
Volturino, fanno esplodere bancomat e fuggono con il denaro: indagano i cc

Volturino, fanno esplodere bancomat e fuggono con il denaro: indagano i cc

 
BatIl caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
Barinel Barese
Corato, scovato piromane di dodici anni

Corato, scovato piromane di dodici anni

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 
TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

Concerto di Arisa nella sua Pignola

di SANDRA GUGLIELMI 
Nel giro di pochi mesi è diventata l’anti-icona della musica italiana con il suo look fumetto retrò, gli occhialoni di celluloide nera, quell'aria perennemente spaesata e la sua goffa ingenuità. Arisa, vincitrice tra le proposte di Sanremo 2009 con quella «Sincerità» che si è impressa nella mente di grandi e piccini, è tornata ieri nella sua Pignola dove ha tenuto il suo attesissimo concerto. «Non è la prima tappa in assoluto del mio tour - ha detto la giovane artista sul palco allestito nel pomeriggio di ieri in piazza Risorgimento - ma è la prima esibizione fatta davvero con il cuore»
Concerto di Arisa nella sua Pignola
PIGNOLA - Nel giro di pochi mesi è diventata l’anti-icona della musica italiana con il suo look fumetto retrò, gli occhialoni di celluloide nera, quell'aria perennemente spaesata e la sua goffa ingenuità. Arisa, vincitrice tra le proposte di Sanremo 2009 con quella «Sincerità» che si è impressa nella mente di grandi e piccini, è tornata ieri nella sua Pignola dove ha tenuto il suo attesissimo concerto. 

«Non è la prima tappa in assoluto del mio tour - ha detto la giovane artista sul palco allestito nel pomeriggio di ieri in piazza Risorgimento, dove è stata festeggiata dai suoi concittadine in attesa del concerto - ma è la prima esibizione fatta davvero con il cuore, perché mai nessuna data è stata e sarà sentita ed emozionante come quella di stasera, perché fare un concerto davanti a tutte le persone che mi conoscono, che non vuoi deludere, porta con sé una sorta di emotività forte, diversa dalle altre». 

Con grande disinvoltura, interagendo dal palco con il pubblico, Arisa si racconta e quasi si commuove quando spiega cosa le è mancato di più in questi mesi lontana dalla sua città: «ho pensato spesso al profumo dell’erba di primavera che cresce vicino alla mia casa in campagna, a Pantano, e al tramonto che osservavo sempre dal balcone della mia camera». Con grande autoironia, la qualità che afferma sia in assoluto la più importante per una donna, «anche se oggi tutte vogliono essere sexy», Rosalba spiega come la grande popolarità che le è piombata addosso grazie a Sanremo deve molto anche al suo stile vintage, che «ha attirato l’attenzione del pubblico su di me, permettendomi di farmi conoscere. Poi la bella canzone ha fatto il resto». 

La notorietà di Arisa in questo momento è davvero all’apice e le suonerie dei cellulari in cui impazza la sua hit e le numerose parodie sul suo personaggio, che lei dice di trovare «divertenti ed utili», tastano il polso di una febbre da Arisa improvvisamente salita in tutt'Italia. La favola di una giovane donna al di fuori dai canoni comuni, che è riuscita a sfondare nel mondo dello spettacolo ed è diventata l’orgoglio lucano, è stata il leitmotiv di tutti gli interventi delle autorità che le hanno consegnato diverse onorificenze, dal governatore De Filippo al presidente della provincia Sabino Altobello, dal sindaco Ignazio Petrone al parroco, Don Rocco, mentre il suono dei flauti e le voci bianche di piccoli pignolesi facevano riecheggiare nell’aria le note della sua Sincerità.
SANDRA GUGLIELMI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie