Domenica 17 Gennaio 2021 | 14:42

Il Biancorosso

L'intervista
Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel foggiano
San Severo, aggredito blogger e incendiata la sua auto: indaga la polizia

San Severo, aggredito blogger e incendiata la sua auto: indaga la polizia

 
PotenzaNel Potentino
Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
BariLotta al virus
Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Matera, la crisi colpisce il mattone

Siamo all’invenduto. Nonostante tutto, Matera e i sui 30 comuni hanno buone possibilità per reagire a una crisi che non è solo di mercato. La manutenzione del territorio potrebbe essere una valvola di sfogo eccezionale. Tutto questo senza contare l’altra miniera a cielo aperto mai sfruttata rappresentata dal risparmio energetico, la possibilità di produrre energia pulita a basso costo, minore dipendenza da altre fonti, se solo si iniziasse a sfruttare il fotovoltaico e a dotare almeno tutte le strutture pubbliche di pannelli solari
Matera, la crisi colpisce il mattone
di PASQUALE DORIA 

MATERA - Sono ormai lontanissimi gli anni a cavallo tra il 1951 e il 1971, quando a Matera vennero realizzati oltre 5 mila nuovi alloggi. Il programma di edilizia pubblica decollò a valle del risanamento dei rioni Sassi. Risultò di dimensioni ciclopiche anche perchè legato ad altre notevoli iniziative di riforma, si pensi solamente alle opere per la realizzazione della diga di San Giuliano. A parte i numeri, in percentuale mai registrati prima a Sud di Roma, sono molte altre ancora le ragioni per cui questa cantierizzazione in grande stile divenne un caso nazionale. Da allora, però, il settore edile, allevato più sotto la spinta dello Stato che del privato, ha assunto un ruolo preminente nell’economia locale. Tanto da orientare per decenni le scelte maturate nell’ambito cittadino, anche oltre i propri confini. 

Eppure, questo ciclo, come quello più brillante e meno longevo dell’industria del salotto, sembra aver esaurito ogni possibilità di ulteriore crescita. Anzi, è noto che nell’ultimo semestre, da ottobre a marzo, è stato registrato il 15 per cento in meno della massa salari su scala provinciale. Vale a dire una spesa di 5 milioni di euro in meno rispetto a sei mesi prima. Sul piano occupazionale la cosa si è tradotta in una una contrazione occupazionale di 600 unità, passando da 5 mila unità a 4.600. E a monte, si contano 100 imprese in meno, da 800 si è scesi a 700. Proiettando lo sguardo al prossimo semestre, si prevede che a settembre le cose possano peggiorare ancora, pregiudicando seriamente ulteriori ipotesi d’investimento. Sono dati che con una certa approssimazione, ma sostanzialmente negativi, conoscono bene tanto alla Cassa Edile, la centrale del mattone legata a Confindustria, quanto all’Edilcassa Basilicata, il cartello di organizzazioni di categoria che in qualche modo è concorrenziale da circa un ventennio al primo che, non di rado, specialmente in passato, ha agito in regime di quasi monopolio. 

C’è chi mette in conto anche un inverno particolarmente piovoso tra i fattori che hanno inciso negativamente sull’andamento complessivo del settore, ma per quanto empiricamente, a livello di rogiti notarili, par di capire che anche questa categoria professionale abbia registrato la flessione in atto che forse prefigura solo in superficie quello che secondo le previsioni meno ottimiste potrebbe realmente verificarsi a partire dal prossimo autunno. Insomma, siamo all’invenduto. Nonostante tutto, Matera e i sui 30 comuni hanno buone possibilità per reagire a una crisi che non è solo di mercato. La manutenzione del territorio potrebbe essere una valvola di sfogo eccezionale. Si pensi proprio ai quartieri storici costruiti a Matera nel dopoguerra, oppure alla possibilità di lavoro che la manutenzioen attiva significherebbe per un piccolo centro dell’interno afflitto dallo spopolamento. Si assicurerebbero non solo salari e lavoro a livello di manodopera, ma anche maggiore vivibilità, qualità, decoro urbano e interventi di adeguamento lì dove occorre più sicurezza dal punto di vista statico. Tutto questo senza contare l’altra miniera a cielo aperto mai sfruttata rappresentata dal risparmio energetico, la possibilità di produrre energia pulita a basso costo, minore dipendenza da altre fonti, se solo si iniziasse a sfruttare il fotovoltaico e a dotare almeno tutte le strutture pubbliche di pannelli solari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie