Sabato 16 Gennaio 2021 | 16:52

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

NewsweekLa novità
Da Alberobello arriva il «Maradona dei fornelli»: convocato nella nazionale cuochi

Da Alberobello arriva il «Maradona dei fornelli»: convocato nella nazionale cuochi

 
LecceIl caso
L'Alpino camminatore in giro per l'Italia fa tappa a Porto Cesareo: «Viaggio per sensibilizzare sulla sclerosi tuberosa»

L'Alpino camminatore in giro per l'Italia fa tappa a Porto Cesareo: «Viaggio per sensibilizzare sulla sclerosi tuberosa»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Materala ripresa
Matera, dal 18 gennaio riaprono i musei «Ridola» e quello di Palazzo Lanfranchi

Matera, dal 18 gennaio riaprono i musei «Ridola» e di Palazzo Lanfranchi

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 
TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 

i più letti

Quello strano concorso  all’ospedale S. Carlo

di GIOVANNI RIVELLI
Il pm Woodcock indaga sul perchè alcuni candidati passano lo scritto ma non vanno all’orale. Gli inquirenti tengono ovviamente le «carte coperte», ma sul caso avrebbero in mano già qualcosa di più preciso
• Parla l’azienda: settemila domande e cento ammessi, metà rinuncia
Quello strano concorso  all’ospedale S. Carlo
di GIOVANNI RIVELLI 

POTENZA - Con la fame di lavoro che, è molto strano c’è che una persona possa prendere parte a un concorso superare brillantemente la parte scritta della selezione e non presentarsi all’orale. Strano, talmente strano che questo episodio ha finito con dare il «là» all’ennesimo capitolo della «megainchiesta Sanità» che il Pm Henry John Woodcock sta conducendo dal 2005 con le diverse forze di polizia, dalla Squadra Mobile ai Carabinieri, mettendo insieme una massa di filoni e materiali talmente ampia da essere spezzettata in 11 «capitoli». 

Il nuovo caso vede ancora una volta al centro l’ospedale San Carlo di Potenza che della sanità lucana è il cuore, rappresentando la più grande struttura pubblica dell’intera regione. Ebbene, per le esigenze dei prorpri uffici, l’azienda ospedaliera, nei mesi scorsi, ha espletato un «concorso per titoli ed esami per la copertura di n.11 posti, di cui n.2 part-time, di Assistente Amministrativo – Categoria C» che si è concluso, lo scorso 29 aprile, con l’approvazione e la pubblicazione finale della graduatoria nella quale sono risultati inseriti 42 nominativi, cioè gli 11 vincenti la selezione e altri 31 che si sono comunque piazzati nella graduatoria finale, ma per gli inquirenti non è escluso che qualcuno abbia potuto fare «manovre» per favorire il piazzamento in posizione utile di qualche candidato. 

L’attenzione è in particolare su quei candidati che cercavano un lavoro fino a superare gli scritti e poi, improvvisamente, hanno deciso di rinunciare alla prova. Hanno desistito per motivazioni personali (quali un impedimento o l’ottenimento di un altro posto di lavoro) per sfiducia (perchè già sapevano che non sarebbero stati loro a vincere quella prova) o perchè sono stati fatti oggetto di pressioni? Le domande sono le stesse che la polizia, in questi giorni, sta facendo ai diretti interessati. In diversi sono stati convocati (ovviamente come persone informate sui fatti perchè anche se qualcosa di irregolare ci fosse stato loro ne sarebbero al più le vittime) per fornire spiegazioni su questo comportamento «anomalo». E ovviamente le risposte giunte sono diverse. Gli inquirenti, per il necessario riserbo d’indagine e evitare che qualcuno possa adottare «contromisure», non scoprono le carte. Ma anche se lo scenario descritto lascia aperte più ipotesi (le pressioni a «desistere » potrebbero essere venute da ovunque, anche senza coinvolgere quanti sono stati impegnati nelle selezioni) nelle mani di Pm e investigatori ci sarebbe qualcosa di più «preciso», di più concreto, di più dettagliato che indirizzerebbe in modo più esplicito il lavoro delle indagini, tanto sugli ipotetici «attuatori» dell’irre golarità, quanto sugli eventuali beneficiari. Del resto, se il Pm Woodcock, notoriamente in procinto di lasciare Potenza (deve trasferirsi a Napoli e in Basilicata resterà fino a Luglio, ma ci si avvia a un periodo di ferie) vuole provare a concludere questa attività deve lavorare spedito su una traccia e forzare i tempi. Diversamente dovrà lasciare anche questo «capitolo» in eredità a chi prenderà le sue inchieste. E proprio per questo starebbe provando a tirare le somme su tutti i capitoli della mega-inchiesta. Qualcuno, inevitabilmente, comporterà tempi più lunghi. Ma qualche altro, dicono i bene informati, avrà sviluppi a breve.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie