Sabato 16 Gennaio 2021 | 13:33

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materala ripresa
Matera, dal 18 gennaio riaprono i musei «Ridola» e quello di Palazzo Lanfranchi

Matera, dal 18 gennaio riaprono i musei «Ridola» e di Palazzo Lanfranchi

 
Newsweekla speranza
Xylella e tecnologia: il batterio sfidato dalle nanocapsule hi-tech

Xylella e tecnologia: il batterio sfidato dalle nanocapsule hi-tech

 
Baristalking
Santeramo, perseguita la ex e le incendia auto: arrestato 40enne

Santeramo, perseguita la ex e le incendia auto: arrestato 40enne

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 
TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 

i più letti

Senise, diga al massimo ma i campi sono secchi

di MARIAPAOLA VERGALITO
I sistemi di irrigazione sono vecchi e malandati con erogazioni discontinue. Scatta la protesta degli agricoltori che minacciano l’astensione alle prossime elezioni. Le lamentele sono contro il Consorzio di Bonifica Alta Val d’Agri. La scintilla che ha innescato la rivolta è stata la notizia, diffusa qualche giorno fa, secondo la quale gli impianti elettrici che servono a portare l’acqua dai pozzi sotterranei fino alle vasche, non sono a norma
• Foggia, ci sono 104 milioni per la Diga di Piano dei Limiti
Senise, diga al massimo ma i campi sono secchi
di MARIAPAOLA VERGALLITO 

SENISE - La diga di Montecotugno è praticamente ai massimi livelli (oltre 431 milioni di metri cubi di acqua invasati), ma i campi di Senise sono a secco. E gli agricoltori minacciano una mobilitazione generale sul muro di sbarramento della diga di Montecotugno e l’astensione dal voto alle prossime elezioni. Lo ha annunciato una rappresentanza presente ieri mattina nel Municipio di Senise.

 Ma a cosa è dovuta la paradossale situazione? Il problema è che i sistemi di irrigazione sono vecchi e malandati e l'erogazione idrica discontinua e insufficiente. Le lamentele sono contro il Consorzio di Bonifica Alta Val d’Agri. La scintilla che ha innescato la rivolta è stata la notizia, diffusa qualche giorno fa, secondo la quale gli impianti elettrici che servono a portare l’acqua dai pozzi sotterranei fino alle vasche, non sono a norma. In alcune zone esiste un sistema di condotte in grado di portare agevolmente l’acqua dal torrente Serrapotamo alla vasca. Quando la vasca si riempie c'è un sistema mediante il quale il flusso idrico in eccesso ritorna nel Serrapotamo e va verso la diga. 

Il problema però è che le condotte sono quasi tutte completamente ostruite e l’acqua non passa. Per questo devono essere utilizzate le centraline elettriche per prendere l’acqua da pozzi situati a quasi venti metri di profondità. «Il mio terreno si trova a pochi metri dal torrente Serrapotamo. Produco cetrioli, peperoni e pomodori in serra - dice Giuseppe Uccelli - Qualche giorno fa, d’un colpo solo, per la mancanza d’acqua ho avuto un danno di circa 700 euro». «Anche quando si verificano i guasti - lamenta Gaspare Latronico, che se la prende con il Consorzio di Bonifica Alta Val d’Agri- l’organizzazione è così carente che non si riesce a portare avanti le riparazioni». 

«Se le cose non cambiamo protesteremo sul muro della diga - dice Domenico Berardi- per riprendere questioni vecchie 35 anni. E se necessario in massa non andremo a votare alle prossime elezioni». Il sindaco Giuseppe Castronuovo ha chiesto un incontro sia con rappresentanti del Consorzio di Bonifica, sia con l’assessorato regionale all’agricoltura. Dal Consorzio, intanto, sono arrivate rassicurazioni al Comune: sono già partite le riparazioni delle condotte danneggiate e gli impianti elettrici sono di nuovo in funzione. E sono in arrivo 600mila euro che saranno destinati a mettere a norma i sistemi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie