Venerdì 22 Gennaio 2021 | 23:01

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Senegalese trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: indaga la Polfer

Uomo trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: si tratta di un senegalese, indaga la Polfer

 
BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Lavoratori Mahle presidiano azienda

I sindacati hanno organizzato un’assemblea permanente davanti allo stabilimento “in seguito alla notizia che alcuni lavoratori esterni sarebbero venuti a Potenza, per attività di cui i sindacati e la Rsu sono all’oscuro”. L'azienda ha iniziato a trasferire i  macchinari dallo stabilimento di Potenza a Torino in base agli accordi firmati con la Regione, i sindacati  e Confindustria
• Matera, siglata Cig per la Comer
• Azionisti Natuzzi approvano bilancio 2008
Lavoratori Mahle presidiano azienda
POTENZA - I lavoratori e i rappresentanti di Fim, Fiom e Uilm hanno organizzato oggi un presidio davanti allo stabilimento “Mondialpiston” di Potenza – di proprietà del gruppo Mahle, in cui fino allo scorso ottobre si producevano pistoni per automobili – ma “nessuno ha impedito l’ingresso o l'attività dei dipendenti del gruppo venuti da Torino”. Lo ha detto il segretario regionale della Basilicata della Fiom, Giuseppe Cillis. 

I sindacati, ha aggiunto, hanno organizzato un’assemblea permanente davanti allo stabilimento “in seguito alla notizia che alcuni lavoratori esterni sarebbero venuti a Potenza, per attività di cui i sindacati e la Rsu sono all’oscuro”. Cillis ha evidenziato che “se si tratta del trasferimento dei macchinari, questo è previsto dagli accordi, ma è anche stabilita la ricollocazione dei lavoratori e la salvaguardia del sito produttivo per il processo di reindustrializzazione, che non può avvenire senza gli impianti. Per questo – ha concluso – chiediamo un chiarimento da parte dell’azienda e la presenza delle Rsu all’interno dello stabilimento”.

La Mahle - il gruppo industriale che fino alla fine di ottobre del 2008 produceva in Basilicata  pistoni per automobili – può legittimamente trasferire i  macchinari dallo stabilimento “Mondialpiston” di Potenza a  Torino in base agli accordi firmati con la Regione, i sindacati  e Confindustria il 12 marzo e il 7 aprile scorsi. Lo ha detto il direttore del personale della Mahle  Italia, Carmelo De Luca, in riferimento alle proteste dei  lavoratori che si sono svolte oggi davanti alla sede dello  stabilimento. Nel verbale del 12 marzo, ha spiegato De Luca, è  previsto che “l'azienda non potrà iniziare il trasferimento  delle attrezzature prima del quindicesimo giorno successivo alla  sottoscrizione dell’accordo base, firmato il 7 aprile, e quindi  l'azienda ha cominciato oggi, anche con il nostro personale di  Torino e con una ditta esterna, le procedure propedeutiche al  trasferimento, previsto tra due settimane”. 

Il direttore del personale ha evidenziato che “il blocco  delle procedure da parte dei lavoratori è illegittimo e ci  procura dei danni. Per questo – ha concluso – abbiamo annunciato  alla Regione e ai sindacati che, se dovesse proseguire,  chiederemo un risarcimento e la revisione degli accordi”.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie