Venerdì 15 Gennaio 2021 | 21:20

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
TarantoLa decisione
Taranto, stop sospensione attività; lunedì rientro per asili nido e scuole dell'infanzia

Taranto, stop sospensione attività: lunedì rientro per asili nido e scuole dell'infanzia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Bloccata mafia lucana già pronti 2 omicidi

Sei ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state eseguite nel Vulture-Melfese e nell'Alto Bradano dalla Sezione criminalità organizzata della Squadra mobile di Potenza nei confronti di persone accusate di associazione per delinquere di stampo mafioso, tentate estorsioni e minacce aggravate. Gli investigatori: evitati così due agguati già in programma
Bloccata mafia lucana già pronti 2 omicidi
POTENZA - Non sono «numerosi», ma «pericolosi». Il questore di Potenza, Romolo Panico, ha descritto così gli appartenenti al clan Cassotta, operante nel Vulture-Melfese, nel nord della Basilicata. Da una decina di anni si affrontano con omicidi riusciti (undici dal 1991) e progettati (almeno due, secondo la Polizia, quelli sventati negli ultimi mesi) con il clan Delli Gatti. 

Oggi, la Polizia, con a capo la dirigente della Squadra mobile del capoluogo lucano, Barbara Strappato, nel corso dell’operazione denominata “Fox”, ha notificato ordinanze di custodia cautelare in carcere per sei uomini, alcuni dei quali già detenuti per altri reati e “protagonisti di una guerra di mafia”. Ma questa volta, il pm della Direzione distrettuale antimafia, Francesco Basentini, ha chiesto e ottenuto dal gip, Rocco Pavese, di inserire nei capi di accusa il reato di associazione a delinquere per Massimo Aldo Cassotta, di 37 anni, di Melfi, Adriano Cacalano (34) di Melfi, Alessandro Cassotta (22) di Rionero in Vulture, Giovanni Plastino (31) di Rionero, Riccardo Martucci (59) di Venosa, e Alessandro D’Amato (38) di Melfi: quest’ultimo non è più – secondo gli investigatori – affiliato al clan Cassotta. 

La “matrice mafiosa” è stata utilizzata nelle estorsioni a commercianti e imprenditori della zona e in alcuni incendi di automobili. 

«A volte – ha spiegato il Procuratore della Repubblica, Giovanni Colangelo – i soldi erano richiesti e utilizzati come vitalizio per i carcerati». La Polizia ha anche scoperto che il clan aveva contatti con due funzionari di pubbliche amministrazioni che avrebbero assegnato finanziamenti a uno dei Cassotta, nonostante gli impedimenti imposti dalle misure di sorveglianza: tuttavia, non è stato richiesto alcun provvedimento. 

«Il punto fermo dell’indagine, che è quasi totalmente compiuta – ha spiegato Colangelo – è l'associazione a delinquere per persone che da anni sono al centro delle vicende criminali del Vulture-Melfese e dell’Alto Bradano». 

L'attività di indagine, cominciata nel luglio del 2007, dopo un delitto, «ha evitato – è stato aggiunto durante una conferenza stampa alla presenza, oltre che di Colangelo, del questore di Potenza, Romolo Panico, e della dirigente della Squadra mobile, Barbara Strappato – anche due agguati nei confronti di due persone, una del clan Cassotta e l’altra appartenente ai rivali del clan Delli Gatti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie