Domenica 24 Gennaio 2021 | 07:58

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariBurrasca in arrivo
Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

 
BrindisiIl caso
Presunti abusi al porto di Brindisi: 12 richieste a processo

Presunti abusi edilizi nel porto di Brindisi: chiesto il processo per 12 persone

 
LeccePuglia, cinema e tv
Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

 
TarantoIl caso
Taranto, poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati medici

Poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati i medici

 
FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 

A Potenza ricostruzione senza criteri antisismici

di MASSIMO BRANCATI 
Oltre 276mila euro per lavori di miglioramento sismico di una casa danneggiata dal terremoto del '98. Ma 11 anni dopo, e 4 dall'inizio dei lavori, il palazzo da ristrutturare è ancora «fragile». E in più disabitato: nessuno degli inquilini può rientrare perché il Comune non ha ancora revocato l'ordinanza di sgombero. Un caso simbolo dei rischi della ricostruzione post-terremoto, il cui avvio è imminente in Abruzzo ma che in Basilicata ha già una lunga storia alle spalle
• Detenuti pugliesi volontari a L'Aquila
A Potenza ricostruzione senza criteri antisismici
POTENZA . Oltre 276mila euro per lavori di miglioramento sismico di una casa danneggiata dal sisma del '98. Ma undici anni dopo il sisma, e quattro dall'inizio dei lavori, il palazzo da ristrutturare è ancora «fragile». E in più disabitato: nessuno degli inquilini può rientrare perché il Comune - che nel frattempo è stato commissariato - non ha ancora revocato l'ordinanza di sgombero. E’ un caso simbolo dei rischi della ricostruzione post-terremoto, il cui avvio è imminente in Abruzzo ma che in Basilicata ha già una lunga storia alle spalle, fatta anche di casi come questo. La denuncia viene da Maddalena Palagano, insegnante di 46 anni di Rivello (Potenza). «La verità - dice - è che secondo me hanno fatto di tutto tranne che rendere più solida l'abitazione». 
La sua è un'accusa pesante. Da dove nascono i suoi dubbi? 
«Ho messo a confronto il progetto originario dell'opera con quello definitivo e mi sono accorta che hanno diminuito la quantità di ferro da immettere nella struttura. In calo anche il numero delle iniezioni di cemento armato che si fanno dentro le mura per sostenere l'edificio. Il solaio, poi, era previsto in argilla espansa, un materiale che si usa per rendere più leggera la parte alta del palazzo, ma successivamente si è optato per il cemento armato. Esattamente ciò che in questi giorni, in Abruzzo, i tecnici e gli esperti stanno sconsigliando di fare». 
Insomma, altro che antisismica. La sua casa diventerebbe più «pesante» e, quindi, più vulnerabile? 
«Già, credo che ci troviamo di fronte al mancato rispetto delle norme sismiche nell’esecuzione dei lavori. Ho dubbi anche sull'impiego del materiale e, soprattutto, sui controlli. Il collaudatore ha visionato i lavori eseguiti non secondo il progetto esistente ma in base al fantomatico progetto di variante inesistente al momento del collaudo dei solai, delle mura delle fondamenta». 
Ma lei ha segnalato al Comune e alla ditta appaltatrice dei lavori le sue perplessità?
«Sì, ma non è servito a nulla. Ecco perché ho avviato un contenzioso giudiziario che mi sta assorbendo tempo, soldi e impegno tra carte bollate, raccomandate, telefonate, richieste di chiarimenti puntualmente snobbate. Sulla sicurezza non si può scherzare. E non si può essere superficiali quando di mezzo ci sono vite umane e soldi pubblici. Anche sul fronte strettamente contabile vorrei vederci chiaro». 
Ritiene che ci siano state manovre poco limpide sui fondi a disposizione? 
«Non sono in grado di dirlo al momento, anche perché assisto al classico gioco dello scaricabarile tra la ditta appaltatrice dei lavori e il Comune. Una cosa è certa: se tutti questi soldi non sono serviti a migliorare la staticità della casa qualcosa non è andato per il verso giusto». 
Nel frattempo lei resta fuori dal suo appartamento... 
«Non ce la faccio più. Il mio unico desiderio è quello di rientrare a casa al più presto, anche se devo fare i conti con un altro problema in qualche modo legato alla qualità dei lavori: l'azienda sanitaria ritiene insalubre il piano terra dove vivo a causa dell'umidità imperante. Credo che si tratti di un altro segnale di un progetto di ristrutturazione che fa acqua, è proprio il caso di dirlo, da tutte le parti». 
Sa che la sua vicenda potrebbe essere un caso su cui riflettere per quanti si apprestano a ricostruire in Abruzzo? 
«Lo spero. Adesso piangiamo i morti di quelle zone e ci chiediamo se qualcosa poteva essere fatta prima proprio per evitare la tragedia. Quando si ricostruiscono le case dopo un terremoto bisogna realmente fare interventi per migliorare la solidità della struttura. E i controlli sui lavori devono essere rigorosi».
MASSIMO BRANCATI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie