Venerdì 22 Gennaio 2021 | 14:16

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 
LecceL'iniziativa
«Back to school»: a Lecce l'evento in streaming con i ministri Azzolina e Spadafora

«Back to school»: a Lecce l'evento in streaming con i ministri Azzolina e Spadafora

 
Barinel Barese
Modugno, 51enne si sente male in casa: cane abbaia a lungo e allerta i vicini: è salva

Modugno, 51enne si sente male in casa, cane abbaia a lungo e allerta i vicini: è salva

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
FoggiaIl caso
Foggia: «Ho fatto il tampone, ma forse non è il mio»

Foggia: «Ho fatto il tampone, ma forse non è il mio»

 
Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

«Matera in mano a preti e ricchi»

Clero e famiglie patrizie hanno caratterizzato fino al secondo conflitto mondiale, coinciso con l'insurrezione del 21 settembre 1943 e l'avvento della Repubblica italiana, la produzione libraria e storiografica di Matera. E' l'analisi che lo storico locale Giovanni Caserta ha fatto in occasione della settimana della cultura nel corso della mostra-rassegna "Matera e Provincia attraverso i libri (sec.XI-XX)"
«Matera in mano a preti e ricchi»
MATERA - Clero e famiglie patrizie hanno caratterizzato fino al secondo conflitto mondiale, coinciso con l'insurrezione del 21 settembre 1943 e l’avvento della Repubblica italiana, la produzione libraria e storiografica di Matera. E’ l'analisi che lo storico locale Giovanni Caserta ha fatto in occasione della settimana della cultura nel corso della mostra-rassegna “Matera e Provincia attraverso i libri (sec.XI-XX)”. 

“La produzione libraria locale – ha detto Caserta – ha risentito delle peculiarità di Matera, estranea alla cultura della Lucania, in quanto appartenente alla Terra d’Otranto e con le specificità della presenza del latifondo, delle famiglie patrizie e del potere ecclesiastico che hanno ignorato la storia dei Sassi e della civiltà contadina. Qui non c'è stato il Risorgimento, ma il potere di pochi per mantenere intatte egemonie consolidate. La caduta del Fascismo e l’avvento della Repubblica hanno consentito di aprire il dibattito sul riuso degli antichi rioni con il coinvolgimento di realtà culturali e non solo locali e stranieri”. 

Nella rassegna libraria locale, che va dall’XI al XX secolo, da Eustachio da Matera a Domenico Ridola, sono state citate anche le opere del filosofo Eustachio Lamanna e di Giuseppe De Robertis che operarono fuori regione e del filosofo Onofrio Tataranni, che nel 1799 realizzò a Napoli un “catechismo repubblicano” per spiegare i contenuti della rivoluzione. L'opera vinse il primo premio di un concorso bandito sull'argomento dal governo del tempo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie