Giovedì 21 Gennaio 2021 | 10:30

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel foggiano
Volturino, fanno esplodere bancomat e fuggono con il denaro: indagano i cc

Volturino, fanno esplodere bancomat e fuggono con il denaro: indagano i cc

 
BatIl caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
Barinel Barese
Corato, scovato piromane di dodici anni

Corato, scovato piromane di dodici anni

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 
TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

Pranzare con mafiosi non è un indizio di colpevolezza

La partecipazione di un imprenditore a un pranzo organizzato da un clan della criminalità organizzata, e finalizzato alla discussione di appalti nella pubblica amministrazione, non costituisce un valido indizio di colpevolezza per mettere l’operatore economico in custodia cautelare in carcere. Lo sottolinea la Cassazione, che ha accolto il reclamo di un imprenditore di Potenza
Pranzare con mafiosi non è un indizio di colpevolezza
ROMA - La partecipazione di un imprenditore a un pranzo organizzato da un clan della criminalità organizzata, e finalizzato alla discussione di appalti nella pubblica amministrazione, non costituisce un valido indizio di colpevolezza per mettere l’operatore economico in custodia cautelare in carcere. Lo sottolinea la Cassazione – sentenza 13847 – che ha accolto il reclamo di un imprenditore di Potenza. Cesario N., contro la decisione del Ministero delle Finanze di non risarcirlo per l’ingiusta detenzione (subita dal 22 novembre al due dicenmbre 2004) nonostante le accuse a suo carico fossero state archiviate.

La misura cautelare era stata disposta dal pm di Potenza che aveva ravvisato “gravi indizi” del fatto che Cesario N. fosse anche lui un mafioso dalla circostanza che aveva partecipato “a un pranzo organizzato da un gruppo criminale per discutere dell’appalto delle pulizie di alcuni edifici pubblici locali”. L'imprenditore, inoltre, aveva incontrato alcuni esponenti del clan dopo l’interruzione del convivio da parte dei Carabinieri.

Per la Cassazione a Cesario – scarcerato dal Tribunale del riesame – spetta l’indennizzo per i giorni passati tra le sbarre in quanto aver partecipato a quel pranzo non può costituire un valido indizio di colpevolezza. Ora la Corte di Appello di Potenza dovrà rivedere il 'nò al risarcimento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie