Venerdì 22 Gennaio 2021 | 02:21

Il Biancorosso

Serie C
Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in centro per anziani: 19 i casi positivi

Bitonto, focolaio Covid in centro per anziani: 19 i casi positivi

 
Potenzaeconomia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares (Stellantis) in Basilicata: confermati investimenti e posti di lavoro. Riconosciuta centralità stabilimento Melfi

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 

i più letti

Ultimo ciak a Francavilla sull'incubo pedofilia

di SALVATORE VERDE
Si sono appena concluse le riprese dell’ultimo film del regista Carlo Fusco «Pochi giorni per capire». Un film denuncia su un fenomeno che assume i connotati dell’emergenza. La storia - ambientata in un luogo imprecisato del Sud e incentrato su un caso di pedofilia tra le mura familiari
Ultimo ciak a Francavilla sull'incubo pedofilia
di SALVATORE VERDE 

Cominciate il 18 marzo scorso a Francavilla sul Sinni (dove alloggiava la troupe), con una scena anche a Chiaromonte, si sono appena concluse le riprese in Basilicata del film «Pochi giorni per capire» (titolo provvisorio, con fotografia digitale a colori e in bianco e nero, sonoro in presa diretta e circa 90 minuti di durata). Quinto lungometraggio del talentuoso regista trentunenne di Potenza Carlo Fusco, anche autore della sceneggiatura e operatore con la macchina da presa a spalla (montaggio affidato a Massimiliano Benvenuti e musiche del maestro Stelvio Cipriani). 

La storia - ambientata in un luogo imprecisato del Sud e incentrato su un caso di pedofilia tra le mura familiari. «Pur svincolato da fatti di cronaca reali, il racconto - perciò delicato, difficile e purtroppo sempre attuale: un padre abusa del figlio e la moglie sa, ma il parroco avvicina il bimbo offeso e intuisce lo squallore, dando una speranza alla madre prima della tragedia», ci sintetizza il regista. 

Eccellente la scelta dei protagonisti: un ispirato Tony Sperandeo (icona filmica di certa sicilianità deviata, qui nei panni di un sagace sacerdote) e l‘allucinato Luigi Maria Burruano (consigliere comunale e padre orco), entrambi grandi attori siciliani, tra i maggiori caratteristi della storia recente del cinema e della televisione italiana. Inoltre, spiccano la partecipazione straordinaria di Enrico Lo Verso, ormai attore internazionale di fama, e la presenza eccezionalmente espressiva del bimbo Salvatore Merlino, 10 anni («nipote di Filippo, il sottotenente di Sant‘Arcangelo ucciso a Nassiriya »), oltre alla brava e bella calabrese Annalisa Insardi (la dolente moglie-madre) e un gruppo di affiatati comprimari, tra i quali Gabriele Reale (il maresciallo dei carabinieri) e Giampiero Siddartha. Con loro Aldo Fortunato (interpreta il sindaco del paese), 45 anni, anch’egli lucano, proprio di Francavilla S.S, come la madre del regista e gli stessi produttori Adriano (38 anni) e Giuseppe Pecchia (44), alla loro seconda produzione, dopo Mario il mago (2008) con Franco Nero, «film ancora inedito in Italia, ma accolto favorevolmente in Ungheria?». 

I fratelli sono entrambi figli di Mario Pecchia, 72 anni a maggio, originario di San Giorgio Lucano, emigrato a Milano nel lontano 1956, con una storia familiare che ricorda molto il viscontiano «Rocco e i suoi fratelli», poi sviluppatasi come imprenditori immobiliaristi (Finman Spa) nel capoluogo lombardo e titolari di un pastificio («Spiga del monte») a Senise. Legatissimo alle proprie radici, Fusco - autore di La straniera e dell’appassionato «Lucania storia infinita» (2006), girato in molti comuni della Basilicata, «Una roccia spezzata» (2007) e «Prigioniero di un segreto» (2008, con Franco Nero e T. Sperandeo), in post-produzione e di prossima uscita nelle sale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie