Domenica 24 Gennaio 2021 | 23:38

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

 

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Foggiala tragedia
San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: due le persone morte

San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: il bilancio è di due morti

 
Leccela polemica
Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

 
MateraIl mistero
Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 

i più letti

Sciopero contro Natuzzi: «Successo»

«La situazione è drammatica – affermano i sindacati – in questa fase di crisi tremenda la nostra regione non può assolutamente sopportare i 1.540 esuberi dichiarati dall'azienda e alla scadenza degli ammortizzatori sociali. Oggi le organizzazioni sindacali hanno chiesto un incontro urgente con l’azienda, il governo regionale e i sindaci dei Comuni interessati»
• La Natuzzi: «Pronti al confronto»
BARI - Per i sindacati confederali di categoria “è riuscito lo sciopero che si è tenuto oggi negli stabilimenti Natuzzi” di Ginosa, Laterza (nel tarantino) e Santeramo in colle (Bari). Cgil, Cisl e UIl – sottolinea una nota – hanno chiesto il coinvolgimento delle amministrazioni comunali e dei prefetti di Taranto e di Bari e annunciano che le iniziative di mobilitazione continueranno. 

“La situazione è drammatica – affermano – in questa fase di crisi tremenda la nostra regione non può assolutamente sopportare i 1.540 esuberi dichiarati dalla Natuzzi, peraltro alla scadenza degli attuali ammortizzatori sociali”. “Oggi – è detto ancora – le organizzazioni sindacali hanno chiesto al perfetto di Bari un incontro urgente con il coinvolgimento dell’azienda, del governo regionale e dei sindaci dei Comuni interessati. Le organizzazioni sindacali non sono affatto d’accordo con chi prefigura la fine del settore dell’imbottito”. “Al contrario – è detto ancora – c'è la ferma convinzione che il settore è importante per il made in Italy, pertanto l’occupazione va salvaguardata”. La posta in gioco per i lavoratori e per il territorio è troppo alta – conclude la nota – quindi nessuna decisione, ivi compresa la chiusura dela falegnameria dello stabilimento di Santeramo, deve essere presa senza l’avvio del più ampio confronto tra i sindacati, l’impresa e le istituzioni”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie