Lunedì 18 Gennaio 2021 | 15:30

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baril'inaugurazione
Bari, posa prima pietra cantiere sede Cnr nell'ex Manifattura tabacchi

Bari, posa prima pietra cantiere sede Cnr nell'ex Manifattura tabacchi

 
MateraControlli della polizia
Pisticci, in auto con con la droga: arrestati due giovani pusher

Pisticci, in auto con la droga: arrestati due giovani pusher

 
BrindisiNel Brindisino
San Pancrazio, nonna Rosa festeggia con la famiglia i 109 anni di vita

San Pancrazio, nonna Rosa festeggia con la famiglia i 109 anni di vita

 
Potenzaa Castelsaraceno
Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

 
FoggiaLieto evento
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Chiesto il rinvio a giudizio per Vittorio Emanuele

Indagine «Savoiagate»: il pm Henry John Woodcock ha chiesto il rinvio a giudizio di tutti gli imputati nel corso dell’udienza preliminare che si è svolta ieri mattina al tribunale di Potenza, davanti al gup Luigi Barrella. Nelle prossime udienze saranno chiamati a discutere gli avvocati degli imputati con posizioni minori. I legali di Vittorio Emanuele di Savoia, personaggio chiave dell’inchiesta, accusato di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e al falso, saranno gli ultimi a discutere in fase di udienza preliminare
Chiesto il rinvio a giudizio per Vittorio Emanuele
POTENZA - Indagine «Savoiagate»: il pm Henry John Woodcock ha chiesto il rinvio a giudizio di tutti gli imputati nel corso dell’udienza preliminare che si è svolta ieri mattina al tribunale di Potenza, davanti al gup Luigi Barrella. Nelle prossime udienze saranno chiamati a discutere gli avvocati degli imputati con posizioni minori. I legali di Vittorio Emanuele di Savoia, personaggio chiave dell’inchiesta, accusato di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e al falso, saranno gli ultimi a discutere in fase di udienza preliminare.

 Due degli indagati, Emanuele Marini e Rocco Tancredi, hanno chiesto il rito abbreviato, di cui si discuterà nella prossima udienza, prevista per il 20 maggio. Ieri il gup ha respinto tutte le questioni preliminari sollevate dagli avvocati (tra cui l’utilizzabilità di alcuni atti, decreti autorizzativi e proroghe delle intercettazioni) ad eccezione di quelle relative alla competenza territoriale, su cui il giudice dovrebbe pronunciarsi nel corso della prossima udienza. Successivamente si sono svolte le relazioni del pm (durata poco meno di un’ora) e di alcuni dei 17 avvocati presenti in aula, tra cui i legali di Vittorio Emanuele, Francesco Murgia e Gianfranco Robilotta. Vittorio Emanuele, lo ricordiamo, è stato arrestato il 16 giugno 2006. 

L'ipotesi di reato è l'associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, al falso e allo sfruttamento della prostituzione. Secondo la Procura di Potenza, infatti, l’erede di Casa Savoia sarebbe implicato in un vero e proprio «mercato» dei nulla osta per videogiochi ed altri apparecchi elettronici utilizzati per il gioco d'azzardo, in collegamento con esponenti della criminalità organizzata siciliana. Tutta la vicenda è nata da alcune intercettazioni telefoniche scottanti che hanno coinvolto Vittorio Emanuele e che mostrerebbero un legame sotterraneo tra mondo della politica, dello spettacolo e della malavita organizzata. 

Tra le frasi celebri intercettate non proprio degne di un sangue blu: «Ho tre quarti d'ora e vorrei andare a puttane». L'intera inchiesta è arrivata ai mass media quando Woodcock ha chiesto e otteuto l'arresto a Varenna di Vittorio Emanuele di Savoia con le accuse di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e al falso nell'ambito di attività legate al casinò di Campione d'Italia. L'indagine coinvolge
24 persone, di cui 13 sono state arrestate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie