Mercoledì 20 Gennaio 2021 | 23:24

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in cento anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

Bitonto, focolaio Covid in centro anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

 
FoggiaControlli dei CC
Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

 
LecceL'ente fallito
Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

 
Batsanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
Potenzala richiesta
Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

Imprenditori lucani Siamo abbandonati

di GIOVANNA LAGUARDIA
Confindustria attacca: la Regione Basilicata ferma al palo per gli interventi a sostegno delle imprese. Il presidente della Giunta De Filippo: «Attivato un fondo di garanzia di 20 milioni di euro con le royalty del petrolio». Cinque i punti caldi: competitività, ricerca, consorzi industriali, piano energetico, bonifica
Imprenditori lucani Siamo abbandonati
di GIOVANNA LAGUARDIA 

POTENZA - «Perdete ogni speranza, o voi che entrate in crisi». La Basilicata vista con gli occhi degli imprenditori è una specie di inferno dantesco. Il commento, scherzoso ma mica poi tanto, espresso da uno degli associati di Confindustria Basilicata, ieri pomeriggio alla sala Inguscio all’in - contro tra gli industriali delle aree di Val Basento e Tito Scalo e la Regione, la dice tutta sull’umore degli industriali lucani, in attesa di risposte concrete su una serie di punti riepilogati, in apertura dei lavori, dal presidente dell’organizzazione Attilio Martorano in apertura dei lavori. L’accusa è una sola: la Basilicata è ancora ferma al palo per l’emanazione di misure a sostegno della crisi industriale. In particolare Martorano ha sottolineato cinque aspetti: la legge sulla competitività, per la quale ancora non è stato presentato alcun bando, il piano della ricerca, che, secondo la denuncia di Confindustria imporrebbe un rapporto di eccessiva dipendenza tra imprese e centri di ricerca della regione, la riforma dei consorzi industriali, non più rinviabile, il piano energetico regionale, che non è ancora operativo, la bonifica dei siti inquinati, che viene vista come un ulteriore vincolo allo sviluppo. 

«La Regione - ha commentato Martorano - è in prima linea tra quelle meridionali per gli interventi di solidarietà sociale, ma non fa nulla per eliminare le ragioni della povertà: sostegno al credito, sostegno alle imprese, velocizzazione della pubblica amministrazione». La Regione Basilicata, rappresentata dal presidente De Filippo e dalla giunta quasi al completo, ha assicurato che gli interventi ci saranno, e a breve, a partire da un fondo di garanzia a sportello di 20 milioni di euro finanziato con le royalty del petrolio, che dovrebbe essere attivato entro fine aprile. Sempre entro fine mese saranno approvati il piano energetico e il disegno di legge sulla riforma dei consorzi industriali, con l’eliminazione dei consigli di amministrazione e la gestione affidata ad un amministratore unico. Il varo della riforma entro agosto. Risposte che, però, non hanno soddisfatto fino in fondo gli imprenditori lucani, alle prese con i piccoli e grandi problemi di ogni giorno. 

Qualche esempio? La Fulltexil, azienda della Val Basento che produce coordinati di biancheria per il settore alberghiero, ha dovuto rifiutare una commessa del Club Med, perché ha già fatto forti investimenti e non riesce ad ottenere i finanziamenti per acquistare un nuovo macchinario. la Sudelettra Group, di Matera, azienda del settore metalmeccanico, che deve fare i conti ogni giorno con le difficoltà ad interloquire con una macchina della pubblica amministrazione elefantiaca. La Videtta Antonio Snc, azienda di infissi e serramenti, che non può ingrandirsi perché il lotto di sua proprietà a Tito Scalo fa parte di un sito inquinato di interesse nazionale e dovrà pagare i costi della bonifica. Tante facce di una stessa medaglia, che gli imprenditori percepiscono come uno scollamento totale tra il mondo della produzione e quello della programmazione. Per questo, al termine della riunione, molte sono le facce deluse. Un commento per tutti, quello di Alessandro Videtta, della Videtta Snc: «Ci stanno proponendo un contentino, quando va cambiato totalmente il modo di pensare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie