Lunedì 25 Gennaio 2021 | 07:26

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

 

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Foggiala tragedia
San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: due le persone morte

San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: il bilancio è di due morti

 
Leccela polemica
Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

 
MateraIl mistero
Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 

i più letti

Il «Piano casa» piace ai sindaci di Puglia e Basilicata VOTA IL SONDAGGIO

Il «Piano casa» piace ai sindaci di Puglia e Basilicata VOTA IL SONDAGGIO
panoramica di Taranto
C’è chi è pro e chi contro il piano casa del governo, tra sindaci e amministratori pugliesi e lucani. Vediamo le opinioni tra le 8 province. 

BARI - «Tutto ciò che è capace di mettere in moto l’economia va bene, a patto però che non si stravolga il paesaggio». Il sindaco di Bari, Michele Emiliano, valuta positivamente il piano casa «se serve alle piccole e medie imprese per tornare a lavorare, non invece se diventa uno strumento per aggiustare le ville dei ricchi». Favorevole anche il candidato sindaco per il PdL Simeone Di Cagno Abbrescia: «Disporre del 30-35% in più di cubature consente di costruire in altezza, liberando spazi per esempio per i parcheggi». 
Il candidato per il Psdi, Mimmo Magistro, dichiara: «La burocrazia danneggia i cittadini, le concessioni edilizie devono essere rilasciate in maniera più rapida: entro 90 giorni gli interessati devono sapere se su quel suolo si può costruire o no». Marcello Signorile, candidato con una lista civica, afferma: «Può servire a creare nuova forza lavoro. È una molla per lo sviluppo delle imprese». Possibilista pure Mario Russo Frattasi, candidato per l’Udc: «Non sono favorevole alle liberalizzazioni selvagge. Il tutto deve essere concepito in maniera intelligente e coordinata con i piani urbanistici, con le strutture della città». Decisamente contraria Adele Dentice, candidata per la civica «Per il bene comune»: «Il piano casa spingerà verso una ulteriore cementificazione, incentivando la speculazione edilizia». 

BAT - «Attendo di conoscere nel dettaglio le determinazioni del governo per esprimere u n’opinione» dice Nicola Maffei (Pd), sindaco di Barletta, cocapoluogo con Andria e Trani della sesta Provincia. Vincenzo Zaccaro (Pd), sindaco di Andria: «Non mi sembra una gran trovata, per far ripartire l’economia ci vuole altro». Da Trani l’assessore all’urbanistica Ninni De Toma (Pdl), sottolinea: «Il piano casa rappresenterà una risposta in più ad una serie di bisogni abitativi ai quali il nostro Comune sta già fornendo risposte». 

BRINDISI - «È un provvedimento straordinario - commenta il sindaco di Brindisi, Domenico Mennitti - in presenza di una crisi di straordinaria portata. Certo bisogna che non si vada incontro al degrado di una situazione già difficile, ma lo spirito, a me sembra, è quello di ridurre procedure e tempi di procedimenti autorizzativi complessi, rispetto ad opere che non modificano complessivamente i volumi o li accrescono in piccola percentuale». 

FOGGIA - «Torna lo spirito che ha devastato le città d’Italia, assecondando uno sviluppo sregolato senza riguardi per il futuro». È il commento dell’assessore all’Urbanistica di Foggia, Michele Salatto. «Abbiamo avuto esperienza di polemiche e critiche perché abbiamo pianificato interventi per garantire un ciclo decennale di sviluppo del settore edilizio. E adesso che tornano i fantasmi della “deregulation”, non si sente volare una mosca. Manteniamo saldo l’impianto culturale, prima che politico, testimoniato dalle politiche di governo regionale del territorio espresse da Angela Barbanente». 

LECCE - «È un provvedimento che occorreva da tempo e che potrà sopperire alle attuali carenze normative che hanno obbligato, sino ad oggi, le amministrazioni comunali a procedere con tutta l’inventiva e la creatività possibili per andare incontro alle esigenze della popolazione». L’assessore all’Urbanistica ed all’Ufficio Casa Roberto Marti, del Pdl, evidenzia che l’emergenza abitativa si va allargando sempre di più. «Una semplificazione degli adempimenti - aggiunge - potrà avere certamente effetti positivi». 

TARANTO - Alfredo Cervellera, vicesindaco e assessore all’Urbanistica sostiene che «l’unico aspetto di questo provvedimento che saluto con favore è lo snellimento delle procedure burocratiche. In effetti, la parte burocratica è piuttosto lunga e complessa. Ed allora, la possibilità che si possano ridurre i tempi non è da respingere ma, sia chiaro, è l’unico aspetto di una legge-quadro che, così come si sta configurando, non ho problemi a definire aberrante» 

MATERA - L’assessore comunale all’Urbanistica, Antonella Venezia: «L’edilizia sociale dovrebbe essere alla base di tutte le programmazioni che si andranno a fare. Va fatto un distinguo sulla proposta relativa all’incremento volumetrico per l’edificato esistente: in questo caso, infatti, bisogna assolutamente tener presente rigidi criteri di salvaguardia». 

POTENZA - «Bisogna aspettare i dettagli perché il 30 per cento degli aumenti volumetrici venga realizzato - sottolinea Vito Santarsiero, sindaco di Potenza e presidente dell’Anci di Basilicata - Se non avviene nel rispetto degli standard, l’effetto può essere dannoso. Come Anci, poi, devo dire che fare edilizia sociale è una delle cose più importanti. I 500 milioni di euro se paragonati alle infrastrutture sono pochi e li consideravamo tali anche rispetto al Governo Prodi».

• SCHEDA: cosa prevede il Piano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie