Martedì 16 Ottobre 2018 | 05:46

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

L'appalto è scaduto mercoledì scorso

Stop alla manutenzione
strade a luci spente a Bari

Stop alla manutenzione strade a luci spente a Bari

L'assessore Galasso

di FRANCESCO PETRUZZELLI

BARI - In via Alberotanza - nuova meta della movida notturna - si parcheggianelle tenebre, pericolosamente anche in curva. In via Generale Bellomo le luci dei lampioni si accendono e si spengono come se fossero degli addobbi natalizi. Ma da quelle parti di stelline, angioletti e palle colorate nemmeno l’ombra. In piazza Risorgimento da diverse sere è calato il buio, quel buio che non consola una vicina via Manzoni da tempo commercialmente in black out. Segnalazioni arrivano anche dalle case popolari di Japigia e da vicoli e corti di Bari vecchia. Lo stesso succede nelle periferie, a Palese, Santo Spirito e Carbonara.

Anche se le cronache di venerdì pomeriggio raccontano di dieci operai mandati in tutta fretta in diversi angoli della città per riportare la luce. Sono diversi i disagi che in queste ore si registrano in alcuni quartieri, con impianti spenti e lampade in attesa di una riparazione.

Questa volta non è opera di sabotatori, ma della solita burocrazia al rallentatore, con l’appalto di manutenzione scaduto lo scorso 30 novembre. Ne ha la certezza il consigliere comunale Michele Picaro (Area Poplare-Ncd) che ha deciso di presentare un’interrogazione al sindaco Antonio Decaro e all’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso per vederci chiaro (in tutti i sensi) in questa vicenda oscura. «Dallo scorso 30 novembre – accusa Picaro - una semplice lampada fulminata o, peggio ancora, un guasto agli impianti di pubblica illuminazione non avranno alcuna manutenzione visto che l’appalto della manutenzione è scaduto. In tal senso, rappresentando come la sicurezza stradale e l’incolumità delle persone passi anche attraverso strade ben illuminate, trovo semplicemente sconcertante come questa amministrazione comunale possa non preoccuparsi per tempo di non lasciare anche solo alcuni tratti della città all’oscuro, proprio in vista del Natale e della maggiore presenza della gente per strada. Per questo – conclude – ho già inoltrato un’interrogazione alla giunta».

Conferme in tal senso arrivano dall’assessore Galasso: «È scaduto l’appalto ma stiamo coprendo il servizio con altri contratti per garantire interventi tempestivi. Lunedì (domani per chi legge, ndr) consegneremo un appalto da 105 giorni per garantire la continuità e grazie ad alcuni residui di spesa. Ma è stato già mandato in gara l’appalto per la manutenzione annuale. Non ci saranno disservizi e disagi».

Proprio in questo fine settimana gli operai hanno lavorato a Palese e a Bari vecchia, a pochi passi dalla Basilica di San Nicola, imbattendosi in molti casi in intere linee elettriche spente e in orologi crepuscolari e analogici (che determinano l’accensione degli impianti) completamente in avaria. «Ma la situazione è costantemente monitorata e stiamo prendendo in carico ogni tipo di segnalazione che giunge dai cittadini» assicura Galasso. Molte delle quali viaggiano anche sul web e sulla pagina Facebook del sindaco, con foto e video postati da cittadini esasperati da questi pericolosi coni d’ombra che trasmettono insicurezza.

Al netto dei disservizi restano però zone nelle quali l’illuminazione manca da anni. Nelle scorse settimane la giunta municipale ha infatti approvato la realizzazione, per un importo complessivo di 178mila euro, di tre nuovi impianti in strada vicinale San Giorgio Martire, nelle vicinanze delle case ex Ferrovieri nel quartiere Picone, su una traversa di via Alfredo Giovine denominata strada Sant’Anna, in zona San Giorgio, e su strada Torre dei Cani tra i quartieri San Paolo e Stanic. «Nonostante si tratti di opere di modesto valore – sottolinea Galasso - questi interventi sono molto importanti perché contribuiscono ad elevare le condizioni di sicurezza delle strade, rendendole più vivibili per i cittadini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Bari, trasloca i mobili in stradaindividuato e multato al Libertà

Bari, trasloca i mobili in strada
individuato e multato al Libertà

 
Comune di Bari - Palazzo di Città

Nuovo sindaco Bari, fumata nera del centrodestra: decisione passa a Roma

 
Palagiustizia Bari, nuovo sopralluogo in sede ex Telecom

Palagiustizia Bari, nuovo sopralluogo in sede ex Telecom

 
Bari, una casa per i senzatetto, la Caritas: «Noi ci siamo»

Bari, una casa per i senzatetto, la Caritas: «Noi ci siamo»

 
Bari, gli chiedono l'ora, poi lo pestano e lo rapinano per strada: arrestati due minori

Bari, gli chiedono l'ora, poi lo pestano e lo rapinano: arrestati due minori

 
Inchiesta su Torre Quetta: «Via l’assessore Palone»

Inchiesta su Torre Quetta
«Via l’assessore Palone»

 
Da vittime a carnefici: ecco gli imprenditori collusi con i clan di Bari

Bari, imprenditori collusi con clan Parisi per avere sub appalti nei cantieri

 
Sporcaccioni a Bari, in media 30 multe al giorno

Sporcaccioni a Bari, in media 30 multe al giorno

 

GDM.TV

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

 
Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano

Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano in strada

 
Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

 
Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

 
Bari, troppi tagli a scuola: ecco il raduno degli studenti in sciopero

Bari, troppi tagli a scuola?
E gli studenti scioperano

 
Le acque rosse vicino le salineSequestro choc a Margherita di Savoia

Le acque rosse vicino le saline
Sequestro choc a Margherita di Savoia

 
Arresto gambiano a Foggia: i video e le versioni contrastanti

Arresto gambiano a Foggia: i video e le versioni diverse. «Agenti circondati»

 
Intitolazione caserma a Marzulli, Decaro: «Lui era davvero un galantuomo»

Squillo di tromba e commozione
per la caserma dedicata a Marzulli

 

PHOTONEWS