Lunedì 21 Gennaio 2019 | 00:52

NEWS DALLA SEZIONE

La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

indagine Dda

Faida interna a clan
rissa nel carcere di Bari

Faida interna a clanrissa nel carcere di Bari

BARI - La Dda di Bari sta compiendo accertamenti su una rissa scoppiata alcune settimane fa nel carcere di Bari fra presunti affiliati ai clan rivali, un tempo alleati, Fiore e Caracciolese. Protagonisti della rissa sarebbero stati alcuni imputati nel processo in corso sull'omicidio del boss del quartiere San Pasquale di Bari, Giacomo Caracciolese, compiuto nell’aprile del 2013, e sulla risposta a quel delitto con il triplice omicidio al quartiere San Paolo di un mese dopo. L’ipotesi dell’Antimafia è che i dissapori interni al gruppo criminale che portarono a quei fatti di sangue stiano proseguendo in cella.

Nell’ultima udienza del processo in corso dinanzi alla Corte di assise di appello di Bari, in cui sono imputate sette persone, il pregiudicato Vito Milloni (condannato in primo grado a 12 anni di reclusione) si era presentato in aula con il volto tumefatto da ferite e lividi. A seguito di questo episodio la Procura antimafia di Bari ha avviato accertamenti ipotizzando che a comandare il pestaggio di Milloni sia stato un altro pregiudicato coinvolto nella faida e imputato nello stesso processo, come ulteriore risposta a quei fatti di sangue.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400