Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 09:56

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

a Bari

Sequestrato un box
del mercato coperto
di Santa Scolastica

polizia

BARI - La Polizia di Stato ha sequestrato a Bari un box del mercato coperto di Santa Scolastica, nel quartiere Carrassi. Nell’ambito delle indagini, coordinate dalla Dia e condotte dalla Squadra Mobile, nei confronti dei componenti del gruppo criminale “Diomede”, era emerso realizzavano, in modo pianificato e sistematico, estorsioni nei confronti dei commercianti del citato mercato rionale, costretti ad acquistare prodotti di consumo (shopper, carta, scatole, ghiaccio) ad un prezzo maggiorato e qualitativamente inferiore, a versare mensilmente somme di denaro o, in alcuni casi, a cedere gratuitamente prodotti alimentari o di altro genere.

In relazione alla vendita dei prodotti di consumo, i successivi approfondimenti investigativi hanno fatto emergere che anche dopo l’arresto di Sedicina Giovanni la vendita di buste di plastica, contenitori e ghiaccio è continuata, ad opera di un suo ex dipendente e dalla sua fidanzata all’interno del box oggetto del sequestro.

Lo stesso Sedicina avrebbe fatto richiedere, a nome del suo ex collaboratore, una partita IVA, assegnata il giorno successivo a quello del suo arresto, per continuare a praticare la vendita dei prodotti di consumo con le stesse modalità estorsive.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400