Martedì 23 Ottobre 2018 | 14:41

NEWS DALLA SEZIONE

Delinquenza minorile
Bari, scippano la borsa ad una donna in pieno giorno: denunciati 3 minorenni

Bari, scippano la borsa ad una donna in pieno giorno: d...

 
Lo studio del Sole 24 ore
Crimini in calo fra Bari e provincia

Crimini in calo fra Bari e provincia

 
Denunciato un ristoratore
Polignano, nel menu tonno frescoA tavola prodotto scaduto e scongelato

Polignano, nel menu tonno fresco, a tavola prodotto sca...

 
L'ultimo saluto
Incidente a Libertà, muore 17enne: «Ciao Andrea, ci mancherà il tuo sorriso»

Incidente a Libertà, muore 17enne: «Ciao Andrea, ci man...

 
emergenza roghi
Terra dei fuochi, in prima linea i comitati e le associazioni

Terra dei fuochi anche a Bari: in prima linea i comitat...

 
Ad Altamura (Ba)
Cava abusiva sequestrata nel Parco dell'Alta Murgia

Cava abusiva sequestrata nel Parco dell'Alta Murgia

 
Ad acquaviva delle fonti (Ba)
Nascondeva eroina in un muretto a secco: ai domiciliari un 34enne

Nascondeva eroina in un muretto a secco: ai domiciliari...

 
L'evento annullato
Noci, «Bacco nelle Gnostre» non si farà e scoppia la polemica

Noci, «Bacco nelle Gnostre» non si fa, polemica

 
Lavoro
Formazione professionale, Puglia verso l'emergenza: scadono 280 contratti

Formazione professionale, Puglia verso l'emergenza: sca...

 
Protesta a Bari
Disabili, addio palestra: la squadra di basket in carrozzina in strada:«Comune Bari accontenta gli amici»

Disabili, squadra  di basket in carrozzina per strada. ...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Decisione del giudice

Vigilasse aggredite a Bari
«Comune non è parte offesa»

BARI - Il Tribunale di Bari ha rigettato la richiesta del Comune di Bari di costituirsi parte civile nei confronti di un commerciante 44enne imputato per aver aggredito due vigilesse nel tentativo di evitare una multa per divieto di sosta. Nella richiesta di costituzione in giudizio, il Comune sosteneva di essere persona offesa, perché l’imputato aveva determinato gravi danni patrimoniali e non patrimoniali dei quali si chiedeva il risarcimento integrale, oltre alla lesione dell’immagine, dell’onore e del decoro dell’Amministrazione comunale. Motivazioni ritenute dal giudice non sufficienti a ritenersi parte danneggiata dal reato.

I fatti risalgono al gennaio 2012. L’imputato, un commerciante barese incensurato, proprietario di un negozio di abbigliamento del centro, avrebbe minacciato le due vigilasse con frasi come «adesso la multa ve la faccio mangiare. Adesso vi gonfio, la faccia ve la devo rompere, non venite più qui, vi farò volare, se vi vedo per strada vi uccido». Secondo il Tribunale soltanto le due vigilasse sono vittime del reato di resistenza a pubblico ufficiale e non già l’ente per il quale lavorano. La richiesta del Comune è stata per questo dichiarata inammissibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400