Lunedì 21 Gennaio 2019 | 00:07

NEWS DALLA SEZIONE

La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

A Bari

Colpi di mitragliatore in strada
arrestati sorvegliati speciali

Guardia di Finanza

BARI - Gli uomini della Guardia di finanza hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due persone che dovranno rispondere di detenzione di armi da guerra aggravata dal metodo mafioso. Si tratta di Gaetano Capodiferro, noto come «U scannat», di 33 anni, e Vito Romito, di 30 anni, entrambi sorvegliati speciali con obbligo di soggiorno, ritenuti vicini al clan 'Strisciugliò. Per la Procura sarebbero coloro che a mezzogiorno del 9 gennaio scorso, nel quartiere San Paolo di Bari, a scopo intimidatorio, avrebbero sparato in strada, senza colpire nessuno, 12 colpi di mitragliatore.

Nel corso delle indagini è emerso che custode del mitragliatore da guerra usato come prova di forza, fu Francesco De Benedictis, tratto in arresto 4 mesi fa per possesso d’arma da guerra. A lui si arrivò il 19 gennaio tramite controlli e perquisizioni interforze disposte dalla Procura dopo quel mezzogiorno di fuoco del 9 gennaio. Il ritrovamento dell’arma e le prove balistiche hanno poi consentito di fare chiarezza sui rapporti tra i tre uomini e l’atto intimidatorio compiuto per spegnere gli appetitivi di clan rivali agli Strisciuglio nel quartiere San Paolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400