Domenica 20 Gennaio 2019 | 18:16

NEWS DALLA SEZIONE

La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

A Molfetta e Terlizzi

Truffa ai danni dell'Inps
120 persone denunciate

Truffa ai danni dell'Inps 120 persone denunciate

BARI - Si chiama modello Invalidità Civile Ricovero (c.d. I.C.RIC.) ed è una dichiarazione di responsabilità che i soggetti percettori di indennità di accompagnamento e/o assegno sociale devono comunicare all’I.N.P.S., entro il 31 marzo di ogni anno, in caso di sussistenza o meno di ricovero (superiore a 30 giorni) presso strutture sanitarie con retta a totale carico dell’A.S.L.. 

Limitatamente a tale periodo di ricovero, l’INPS esclude gli interessati dall’indennità di accompagnamento oppure, in caso di assegno sociale, ne decurta l’importo del 50%.

Dalla corretta osservanza di tale adempimento le Fiamme Gialle della Tenenza di Molfetta hanno avviato un’indagine, tra il 2010 ed il 2014, che ha portato ad incrociare i dati in possesso di diversi enti pubblici (I.N.P.S., A.S.L. e Regione Puglia) sul conto di un migliaio di residenti a Molfetta e Terlizzi. Essi erano ricoverati, in regime di “lungo degenza” in strutture Riabilitative Socio Assistenziali (R.S.A.), Riabilitative Socio Sanitarie Assistenziali (R.S.S.A.) e Presidi Ospedalieri delle province Bari e Bat, con pagamento della retta a totale carico dell’A.S.L. di appartenenza.

Da questo bacino di nominativi, con la collaborazione dell’I.N.P.S., i Finanzieri sono pervenuti a 120 soggetti che, attraverso l’omissione della presentazione del modello I.C.RIC. o tramite la sua presentazione con dati non veritieri, sono risultati percettori indebitamente di indennità di accompagnamento e/o assegni sociali per un totale di oltre 85 mila euro.

In esito a tale indagine, i 120 soggetti sono stati segnalati alla Procura di Trani per i reati di truffa ai danni dello Stato e falso ideologico. Nei confronti di tutte le persone segnalate saranno avviate le procedure per il recupero delle somme indebitamente percepite.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400