Lunedì 21 Gennaio 2019 | 03:07

NEWS DALLA SEZIONE

La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

Psichiatra uccisa a Bari chiesto giudizio per ex dg Asl

Psichiatra uccisa a Bari chiesto giudizio per ex dg Asl
BARI – La Procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio per sei persone, tra le quali l’ex direttore generale della Asl di Bari Domenico Colasanto, per le presunte responsabilità della Asl sulla sicurezza nell’ambito della vicenda relativa all’omicidio della psichiatra barese Paola Labriola, uccisa con 70 coltellate da un paziente il 4 settembre 2013, mentre era al lavoro nel Centro di Salute Mentale di via Tenente Casale a Bari.

Colasanto risponde di morte come conseguenza di altro reato, omissione di atti d’ufficio e induzione indebita a dare o promettere utilità. In concorso con l’ex dg rispondono di induzione indebita anche l’ex segretario di Colasanto, Antonio Ciocia e un altro dipendente della Asl di Bari, Giorgio Saponaro, per aver "pressato con insistenza" il funzionario Asl Alberto Gallo nella predisposizione dei falsi Dvr (Documenti di valutazione dei rischi). Accusati di falso materiale in atto pubblico lo stesso Gallo e altri due funzionari, Baldassarre Lucarelli e Pasquale Bianco.

Il pm che ha coordinato le indagini sul delitto, Baldo Pisani, ha chiesto l’archiviazione per Davide Pellegrino, ex capo di gabinetto del presidente della Regione Puglia, che era indagato per abuso d’ufficio per la vicenda della presunta sospensione concordata di Colasanto dopo che questi aveva ricevuto l’avviso di garanzia. L’autore materiale del delitto, Vincenzo Poliseno, è stato già condannato in primo grado a 30 anni di reclusione al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato. Il processo d’appello inizierà il prossimo 16 febbraio.
La Procura ha infine stralciato la posizione di altre sette persone, tra medici e dirigenti dell’ospedale San Paolo di Bari, per una vicenda non legata al delitto Labriola, ma ad una questione relativa alle liste d’attesa. All’esito degli approfondimenti svolti dopo la chiusura delle indagini preliminari, è emerso che "le condotte hanno avuto – spiega la Procura – una rilevanza diversa da quella penale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400