Domenica 20 Gennaio 2019 | 19:07

NEWS DALLA SEZIONE

La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

Bando sul turismo in Puglia assolto ex dirigente Regione

Bando sul turismo in Puglia assolto ex dirigente Regione
BARI – La Corte di Appello di Bari ha assolto "perchè il fatto non sussiste" l’ex dirigente del servizio comunicazione istituzionale della Regione Puglia, Eugenio Iorio, condannato in primo grado con rito abbreviato a 1 anno di reclusione per turbativa d’asta. La vicenda contestata si riferisce al bando da 7 milioni di euro per la ideazione e realizzazione della campagna di comunicazione per la promozione turistica della Regione per gli anni 2007-2008, poi annullato in autotutela dopo la denuncia di presunte irregolarità nella formulazione del disciplinare di gara.

Secondo la procura di Bari Iorio aveva chiesto ad un imprenditore di non partecipare al bando per poterlo affidare ad altri, in cambio di un trattamento di favore per la pubblicità istituzionale sulla sua azienda. Gli avrebbe cioè promesso - stando alla denuncia dell’imprenditore e alla ricostruzione dell’accusa – commissioni pubblicitarie in modo diretto e senza evidenza pubblica per 1 milione e mezzo di euro.

I giudici dell’appello hanno però condiviso la posizione della difesa di Iorio, rappresentata dall’avvocato Michele Laforgia, secondo il quale "l'intero budget della Regione, complessivamente pari, all’epoca, a un milione e mezzo di euro, era ripartito secondo criteri oggettivi previsti dalla legge e dal Corecom, a garanzia del pluralismo informativo e applicati, in Puglia, sin dal 2007". Non avrebbe quindi potuto destinarlo ad un solo imprenditore e neppure avrebbe potuto influire sull'aggiudicazione della gara perchè "la valutazione delle offerte economiche derivava dalla applicazione di una formula matematica, senza alcuna discrezionalità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400