Lunedì 21 Gennaio 2019 | 08:54

NEWS DALLA SEZIONE

La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

Maxi evasione e frode all'Inps, due denunce

Maxi evasione e frode all'Inps, due denunce
BARI – Dietro i falsi braccianti agricoli assunti da una società di Noicattaro (Bari), operante nel settore ortofrutticolo, si nascondeva una evasione fiscale da quasi 800mila euro. La frode è stata scoperta dalla guardia di finanza che ha sottoposto a verifica una società nojana che dal 2011 al 2014 aveva assunto, in modo apparente, 162 braccianti agricoli attraverso false attestazioni di posizioni lavorative inducendo, così, in errore l’Inps che ha provveduto, nel corso degli anni, ad erogare prestazioni assistenziali non dovute. L'esame della documentazione contabile ha consentito di recuperare a tassazione costi per oltre 780mila euro ed accertare ritenute fiscali non versate per oltre 114 mila euro. I due amministratori della società, oltre alle pesanti sanzioni amministrative che verranno irrogate, dovranno rispondere all’Autorità giudiziaria per il reato di infedele dichiarazione dei redditi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400