Lunedì 21 Gennaio 2019 | 12:14

NEWS DALLA SEZIONE

In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 
L'incidente
Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi della vecchia Filobus

Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi della vecchia Filobus

 
Dopo 6 anni
Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

 
La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 

Bari, boss pentito per amore la moglie forse presto libera

Bari, boss pentito per amore la moglie forse presto libera
BARI – L'arresto di Rocca Palladino, moglie del boss mafioso barese Antonio Di Cosola, dovrà essere nuovamente discusso dinanzi al Tribunale del Riesame di Bari. La donna, per amore della quale il capo clan ha deciso nelle scorse settimane di collaboratore con la giustizia, potrebbe presto tornare in libertà.

La Corte di Cassazione ha annullato con rinvio il provvedimento con cui il Riesame aveva rigettato la richiesta di scarcerazione della 49enne. Sarebbe stato proprio l’arresto della moglie, nell’aprile scorso, ritenuta il tramite fra il marito detenuto e la gestione dei traffici illeciti del suo gruppo criminale, ad indurre Di Cosola a pentirsi e a collaborare con gli inquirenti. Contro quell'arresto i difensori della donna avevano fatto ricorso al Tribunale del Riesame di Bari che il 18 maggio aveva rigettato la richiesta di scarcerazione, accogliendola invece per lo stesso Di Cosola. La Suprema Corte ha accolto il nuovo ricorso presentato dai legali, annullando con rinvio la decisione del Riesame.

Palladino si è sempre dichiarata estranea agli affari illeciti del boss e "non ha bisogno delle dichiarazioni del marito per essere scarcerata – sottolinea la difesa – perchè per lei parlano i fatti. E’ innocente ed è per questo che la Cassazione ha annullato con rinvio il provvedimento del Riesame di Bari". "La decisione – dicono ancora gli avvocati della donna - non ha nulla a che vedere con il pentimento di Antonio di Cosola".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400