Domenica 20 Gennaio 2019 | 03:58

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 

Amoruso: «Ho lasciato Forza Italia  perché Berlusconi non mi difese dopo l'attacco di Vitali sulla Gazzetta» Vitali: prendo atto, Amoruso cambia versione

Amoruso: «Ho lasciato Forza Italia  perché Berlusconi non mi difese dopo l'attacco di Vitali sulla Gazzetta» Vitali: prendo atto, Amoruso cambia versione
ROMA - "E' stato l'attacco del coordinatore pugliese di Forza Italia, Luigi Vitali, in una intervista alla Gazzetta, a cui non è seguita alcuna difesa nei miei confronti da parte di Forza Italia a convincermi a lasciare il partito". Lo afferma il senato Francesco Amoruso ai microfoni di Radionorba, spiegando il passaggio da Forza Italia al gruppo Ala di Denis Verdini. "Dopo quell'intervista - dice Amoruso - se il presidente Berlusconi fosse intervenuto in maniera chiara stabilendo un po' l'ordine delle cose, è chiaro che avrei avuto motivi per poter credere che il partito era attento a quel che avveniva. Invece, l'impressione è quella di un partito in disfacimento".

Amoruso racconta l'incontro con Berlusconi e Gasparri due giorni prima di abbandonare il gruppo: "A Berlusconi dissi che ormai nel partito non c'erano più stimoli, che non volevo morire per consunzione, che non capivo in Puglia quale fosse la politica di Forza Italia. Il giorno dopo ricevetti l'attacco del coordinatore pugliese Vitali seguito dal silenzio del partito. A quel punto, oltre alle motivazioni politiche che si basano sulla convinzione che le riforme vanno sostenute, si è aggiunto il forte disagio di continuare a stare in Forza Italia".

"Quelle di Gasparri sono accuse che devono far vergognare chi le ha fatte, tant'è che in Senato ho chiesto una commissione d'inchiesta che accerti la veridicità delle accuse fatte da Gasparri e ho chiesto al presidente che il testo dell'intervento sia trasferito alla Procura della Repubblica perché possa serenamente aprire una inchiesta e verificare i fatti: la mia è stata una scelta politica", ha poi affermato Amoruso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400