Domenica 20 Gennaio 2019 | 04:22

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 

Bari, bancarotta Aida due condanne  Prosciolti liquidatori

Bari, bancarotta Aida due condanne  Prosciolti liquidatori
BARI - Il gup del Tribunale di Bari Roberto Oliveri del Castillo ha condannato due persone, assolvendo un altro imputato, ha ratificato due patteggiamenti e ha prosciolto altri quattro imputati nel procedimento sulla presunta bancarotta fraudolenta delle società 'Aida Srl' e 'Imm.re Srl'.

L'inchiesta, nel gennaio 2014, aveva portato all'arresto dell'avvocato tarantino Alessandro Saracino. Stando agli accertamenti dei finanziari del nucleo di polizia tributaria del comando provinciale di Bari, coordinati dal pm Giuseppe Dentamaro, Saracino, in qualità di amministratore di fatto delle due società, entrambe fallite nel 2012, con manovre di distrazione ne avrebbe impoverito le casse, ostacolando la ricostruzione economico-patrimoniale societaria, e avrebbe distrutto, nascosto e sottratto le scritture contabili obbligatorie.

La magistratura barese contesta anche la "distrazione e dissipazione del marchio" della nota azienda barese di merendine Aida, ceduto nel 2011 per 30mila euro ad una società riconducibile allo stesso Saracino, condannato oggi alla pena di due anni e sei mesi di reclusione. Stessa condanna per l'avvocato barese Enrico Buono, ritenuto amministratore di fatto delle società.

Assolto con rito abbreviato Francesco D'Arenzo, accusato di riciclaggio per aver versato sul proprio conto assegni per decine di migliaia di euro ricevuti dall'avvocato Saracino. Il giudice ha ratificato i patteggiamenti a quattro e sei mesi di reclusione (pena sospesa) di altri due imputati. Al termine della contestuale udienza preliminare il gup ha dichiarato il non luogo a procedere per altre quattro persone, i due liquidatori della 'Imm.re' Vito De Sanni e Francesco Paolo Noviello, l'ex amministratore Angelo Schena, tutti imputati di bancarotta fraudolenta, e Giovanni Milella, accusato di riciclaggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400