Domenica 20 Gennaio 2019 | 05:41

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 

Curdo ammazzato al Cara: in appello assolti tre afghani

Curdo ammazzato al Cara: in appello assolti tre afghani
BARI – La Corte di assise di appello di Bari ha assolto per non aver commesso il fatto i tre cittadini afghani imputati per l’omicidio del 26enne curdo Hemn Hajar, ucciso durante una rissa nella notte tra il 2 e il 3 luglio 2013 all’interno del Cara di Bari-Palese. I giudici, ribaltando la sentenza di primo grado emessa nel luglio 2014 che aveva condannato i tre a pene comprese fra i 15 e gli 11 anni di reclusione, ha assolto il 24enne Sartor Adrimzaj e ha rideterminato le pene inflitte agli altri due, il 28enne Nasri Zeshan e il 27enne Lolkhan Zagarya, condannando il primo per rissa aggravata e lesioni a 200 euro di multa e il secondo a due anni di reclusione. I giudici hanno disposto per tutti la scarcerazione.
Il giovane curdo morì per una coltellata al petto al culmine di una rissa scoppiata tra un gruppo di afghani e un gruppo di curdi per motivi banali, con colpi di bastoni e tubi di ferro. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400