Giovedì 24 Gennaio 2019 | 02:03

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Lungomare San Girolamo, Melini: «Resta una brutta incompiuta»

Lungomare San Girolamo, Melini: «Resta una brutta incompiuta»

 
Il meeting
Congresso Cgil, Camusso incontra lavoratori Gazzetta del Mezzogiorno

Congresso Cgil, Camusso incontra lavoratori Gazzetta del Mezzogiorno

 
Sentenze tributarie pilotate
Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

 
La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 

Bari, la Gdf confisca l'appartamento al boss del San Paolo

Bari, la Gdf confisca l'appartamento al boss del San Paolo
BARI - I Finanzieri del Gico di Bari hanno proceduto al sequestro preventivo di un appartamento per un valore di circa 150 mila euro, nella disponibilità indiretta di MONTANI Leonardo, 40enne barese, figlio di Salvatore e fratello di Andrea detto “Malagnac”, con diversi precedenti per reati di associazione mafiosa, delitti contro la persona ed il patrimonio nonchè reati in materia di sostanze stupefacenti. 
Il provvedimento, disposto dal gip su richiesta della procura, è frutto di una attività investigativa del Gico da cui è emerco che MONTANI, già sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Bari, ha omesso di comunicare al Nucleo pt di Bari  l’acquisto dell’immobile sottoposto a sequestro, così violando l’obbligo di comunicazione delle variazioni patrimoniali, previsto dal Codice antimafia.

Tale norma, infatti, impone a coloro che siano stati sottoposti, con provvedimento definitivo, ad una misura di prevenzione, l’obbligo di comunicare per dieci anni, ed entro 30 giorni dal fatto, al Nucleo di Polizia Tributaria del luogo di dimora abituale, tutte le variazioni del patrimonio di valore superiore a 10.329 euro. La violazione di tale obbligo comporta la confisca dei beni acquistati o del relativo corrispettivo (in caso di successiva alienazione), oltre alla reclusione da due a sei anni. Leonardo Montani, risulta esponente di spicco dell’omonimo clan operante nel quartiere San Paolo di Bari. Il sodalizio rimase coinvolto nell’operazione “Marte” eseguita nei confronti di esponenti dei clan “Laraspata” e “Montani”. I due clan, a partire dal 1993, per affermare la loro egemonia e imporsi sul territorio, scatenarono una vera e propria guerra di mafia contro sodalizi avversi, culminata con 4 omicidi e 16 tentati omicidi. I responsabili furono poi arrestati nel 1998 con il blitz che portò all’arresto di 116 persone tra capi e affiliati, tra cui 9 donne. Montani è libero da circa 5 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400