Domenica 20 Gennaio 2019 | 14:07

NEWS DALLA SEZIONE

Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

Traffico illecito rifiuti sequestro nel porto di Bari

Traffico illecito rifiuti sequestro nel porto di Bari
BARI – In un’operazione congiunta, gli agenti dell’Agenzia delle Dogane e del Nipaf del Corpo Forestale dello Stato hanno scoperto e bloccato, nel porto di Bari, un’attività di esportazione illecita di rifiuti partiti dalla Bulgaria e diretti verso il Benin, in transito dall’Italia.
In particolare, in due automezzi bulgari sono stati trovati 47.500 kg di pezzi di camion. I conducenti hanno esibito delle fatture commerciali relative a parti di ricambio usate per autocarri destinate all’esportazione. E’ stato invece accertato che si trattava di due camion fatti a pezzi, quindi veri e propri rifiuti, in quanto non erano stati sottoposti ai trattamenti di messa in sicurezza (asportazione delle parti potenzialmente inquinanti) e di bonifica prescritti dalla normativa vigente. La legge infatti detta una specifica disciplina al fine di garantire che la gestione di veicoli fuori uso non comporti rischi per la salute umana e per l’ambiente.
Il proprietario della merce, di nazionalità beninese, è stato denunciato per traffico illecito di rifiuti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400