Venerdì 24 Maggio 2019 | 04:59

NEWS DALLA SEZIONE

Il candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
Con Mayo Clinic
Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

 
Di Monopoli
Ingegneria, a Bari laurea honoris causa all'imprenditore Vito Pertosa

Ingegneria, a Bari laurea honoris causa all'imprenditore Vito Pertosa

 
L'intervista
«A giugno arriva un decreto contro le morti bianche»

«A giugno arriva un decreto contro le morti bianche»

 
Il naufragio
Naufragio Norman Atlantic: permanenza del relitto ha danneggiato porto Bari

Norman Atlantic, gup dice no a nuovo sequestro. Autorità: danni al porto

 
Ambiente
Yacht a energia pulita: nella gara a Monaco c'è un team barese

Yacht a energia pulita: nella gara a Monaco c'è un team barese

 
sud-est barese
Xylella, da osservatorio regionale nuova mappa aree a rischio

Xylella, da osservatorio regionale nuova mappa aree a rischio

 
L'operazione
Assalto in banca a Bari: polizia arresta 7 persone tra la Puglia, Roma e Napoli

Assaltarono bancomat e portavalori a Bari: 7 arresti tra Puglia, Roma e Napoli

 
La guardia costiera
Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: il pesce dato in beneficenza

Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: pesce in beneficenza

 
Il giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
BatLa sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
BrindisiNel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Tarantonel tarantino
Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

 
LecceSenza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
FoggiaLo studio
Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

 

i più letti

I medici baresi in Moldavia per aiutare i bambini di strada

I medici baresi in Moldavia per aiutare i bambini di strada
di Antonella Fanizzi

BARI - In quattro giorni sono state visitate 400 persone. Molte di queste hanno ricevuto gli occhiali usati ma ripuliti, sistemati, classificati per fascia di età e distinti fra uomini, donne e bambini e infine consegnati, secondo le differenti prescrizioni, dai volontari. Questa volta ha toccato la Moldavia la missione umanitaria sponsorizzata dalla So.San, l’organizzazione dei Lions per la solidarietà sanitaria.

Tre medici italiani, i dottori Alessandro Mastrorilli, ginecologo di Altamura, Ivo Vulpi, oculista di Bari, e Alfonso Carnevalini, oculista di Viterbo, hanno chiuso nelle valigie strumentazioni all’avanguardia e tanta voglia di fare. Hanno potuto toccare con mano cosa vuol dire operare in ospedali dove manca persino l’essenziale, dove la parola prevenzione non esiste perché non ci sono neppure i soldi per la cura e per l’acquisto delle medicine.

In situazioni di così grave disagio, i deficit della vista sono l’ultimo dei problemi.

«Abbiamo incontrato due sole oculiste che seguono oltre 200mila abitanti», racconta Ivo Vulpi. Ciò nonostante l’esperienza, seppur drammatica per le condizioni di estrema povertà in cui si trova il Paese dell’Europa dell’Est, è stata entusiasmante.

Dice Vulpi: «Nel secondo ospedale per importanza della regione, siamo stati accolti con grande cortesia. I colleghi moldavi eroicamente cercano di fare al meglio il proprio lavoro. Nel reparto di radiologia, però, si effettuano ancora schermografie del torace con uno strumento delle dimensioni di una cabina telefonica che sviluppa radiografie di appena otto centimetri per otto. Il radiologo ha spiegato che sono costretti a eseguire gli esami per la tubercolosi, alimentata dalla povertà. In Moldavia inoltre non esiste la pediatria di base come in Italia. Il medico di medicina generale si occupa di tutto, e il pediatra è incluso fra i normali consulenti in caso di necessità».

Vulpi entra nel dettaglio: «I bambini in età da scuola materna, con importanti difetti della vista, vengono inseriti in asili speciali con personale che stabilisce il programma terapeutico e riabilitativo insieme agli assistenti di oftalmologia».

Uno degli scopi della missione è stato proprio quello di visitare i bambini di Balti, la seconda città della Moldavia. I medici italiani hanno utilizzato un nuovo autorefrattometro computerizzato ad infrarossi per controllare che la correzione ottica fosse idonea. I dati ottenuti sono stati scaricati nel computer della scuola, a disposizione della direttrice. Continua Ivo Vulpi: «Abbiamo controllato 70 bambini in meno di quattro ore. Con gli strumenti manuali sarebbero serviti quattro giorni».

Gli specialisti della So.San. Lions hanno visitato e distribuito gli occhiali pure nel centro «Regina Pacis» di Floresti, una piccola cittadina con poche strade asfaltate dell’entroterra della Moldavia. In questo centro i volontari si occupano del recupero dei bambini a rischio di suicidio per abbandono. I bambini sono segnalati dalle maestre o dalle assistenti sociali. La sfida quotidiana degli operatori è quella di riuscire a regalare una speranza a questi piccoli abbandonati dai genitori che hanno lasciato la Moldavia alla ricerca di un lavoro. I bimbi spesso finiscono sulla strada per chiedere l’elemosina o qualcosa da mangiare.

«La situazione è grave - conclude Vulpi - ed è stato possibile visitare i pazienti perchè il presidente di zona dei Lions Club della Moldavia, grazie ai finanziamenti messi a disposizione dalla nostra associazione e dall’Unione europea, è riuscito ad attrezzare una clinica oculistica mobile. Ci siamo resi conto che la domanda di salute da parte della popolazione indigente viene soddisfatta con grande difficoltà e in ritardo. Il ponte con la Moldavia intanto è stato creato. A novembre torneremo nell’Est europeo con un medico generico, un ginecologo e un internista per fare le ecografie».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400