Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 23:43

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Lungomare San Girolamo, Melini: «Resta una brutta incompiuta»

Lungomare San Girolamo, Melini: «Resta una brutta incompiuta»

 
Il meeting
Congresso Cgil, Camusso incontra lavoratori Gazzetta del Mezzogiorno

Congresso Cgil, Camusso incontra lavoratori Gazzetta del Mezzogiorno

 
Sentenze tributarie pilotate
Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

 
La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 

Bari, rapinavano smartphone arrestati 3 minori

Bari, rapinavano smartphone arrestati 3 minori
BARI – Minacciavano, ingiuriavano e derubavano coetani, ma alla fine sono stati identificati i tre baby rapinatori che rapinavano cellulari per strada nel centro di Bari. Si tratta di un 14enne, un 15enne e un 16enne, arrestati dai carabinieri con l’accusa di rapina aggravata e continuata in concorso in esecuzione di un provvedimento restrittivo emesso dal gip del Tribunale dei Minori su richiesta della Procura.

Due gli episodi contestati al 14enne e uno agli altri due complici avvenuti rispettivamente la sera del 17 gennaio, nel centro, e del primo aprile sul lungomare Augusto ai danni di un 15enne e di un 17enne. In entrambi i casi i ragazzi derubati sono stati accerchiati, minacciati , in alcuni casi perquisiti e costretti a consegnare i cellulari. I telefoni venivano poi rivenduti per 30/40 euro. Le denunce delle vittime hanno consentito di raccogliere sul conto dei tre numerosi elementi di responsabilità. I tre minori sono stati collocati in comunità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400