Sabato 19 Gennaio 2019 | 21:27

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 

Presa dai Carabinieri rapinatrice seriale di anziani a Molfetta

Presa dai Carabinieri rapinatrice seriale di anziani a Molfetta
MOLFETTA - I carabinieri della Compagnia di Molfetta hanno arrestato una 30enne del luogo, già nota alle Forze dell’ordine, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Trani su richiesta della locale Procura della Repubblica, con l’accusa di rapina in concorso e lesioni personali. La donna è ritenuta responsabile di aver preso parte a due delle sei rapine ai danni di pensionate ultra settantenni commesse all’interno delle loro abitazioni da un 24enne, già arrestato dagli stessi carabinieri lo scorso 18 marzo.  

L’indagine ha evidenziato come la donna avrebbe avuto il ruolo di “palo” e di soggetto deputato ad effettuare il “sopralluogo” presso l’abitazione delle vittime finalizzato a verificarne l’apertura della porta d’ingresso e la successiva fattibilità dell’azione del complice. Quest’ultimo infatti ricevuto l’ok dalla 30enne, nell’ottobre del 2014 si sarebbe introdotto nell’abitazione di una 86enne costretta su una sedia a rotelle e le avrebbe sfilato due fedi che portava nella mano destra. Nel febbraio del 2013 invece dopo l’ennesimo sopralluogo della complice il giovane si sarebbe introdotto nell’abitazione di un’altra 86enne sfilandole la fede dalla mano destra e gli orecchini procurando alla stessa lesioni alle mani ed al volto. La 30enne, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, è stata collocata ai domiciliari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400