Giovedì 17 Gennaio 2019 | 09:26

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

Vittima di usura ed estorsione minacciata di morte dall'imputato in un'udienza al tribunale di Bari

Vittima di usura ed estorsione minacciata di morte dall'imputato in un'udienza al tribunale di Bari
BARI – Un testimone, parte civile nel processo 'Dominò alla mafia barese perchè vittima di usura ed estorsione, sarebbe stato indirettamente minacciato di morte in Tribunale da un imputato. La circostanza è stata rivelata in udienza dal procuratore aggiunto Pasquale Drago, titolare del fascicolo, che ne ha chiesto conferma alla presunta vittima, chiamata oggi a testimoniare in aula.

Nella scorsa udienza del 13 aprile l’imputato Nicola Settanni, accusato di usura ed estorsione, avrebbe detto ad una terza persona – ma parlando a voce alta tanto da far sentire le sue parole al testimone – "se lo incontro per strada gli taglio la testa". Mentre il pubblico ministero riferiva oggi la frase ai giudici della prima sezione penale, c'era in aula ad assistere all’udienza anche Settanni, imputato a piede libero. Il testimone ha confermato e ha poi ricordato la vicenda di cui accusa Settanni. I fatti si riferiscono agli anni 2006-2007. La vittima avrebbe ricevuto 500mila euro come corrispettivo per la vendita di un immobile poi saltata. A quel punto sarebbe stato costretto a restituire quasi un milione di euro. Il teste ha dichiarato di aver subito "continue violenze psicologiche" e, in una occasione, di essere stato portato in campagna e legato ad un albero con del nastro adesivo. Alla fine dell’udienza il presidente della sezione, Giovanni Mattencini, ha disposto la trasmissione degli atti alla Procura perchè approfondisca la vicenda delle presunte minacce subite in aula dal testimone.

Il processo, in cui è imputato anche il boss Savino Parisi insieme con altre 46 persone accusate, a vario titolo, di associazione mafiosa, traffico internazionale di droga, usura, turbativa d’asta e riciclaggio, proseguirà il prossimo 11 maggio con l’interrogatorio di un collaboratore di giustizia in videoconferenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400