Giovedì 17 Gennaio 2019 | 03:29

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

Giovane regista barese con un «corto» a Cannes

di MARIANNA IANDOLO
BARI - È un appuntamento attesissimo durante l’anno dai filmmakers di tutto il mondo. Un momento, all’interno del Festival de Cannes (13-24 maggio 2015), a cui ormai da più di dieci anni, registi di cortometraggi e produttori ambiscono a partecipare. È lo «Short Film Corner», sezione fuori concorso legata al mercato cinematografico del Festival e vetrina internazionale per la promozione dei corti. Tra le mille opere selezionate per l’edizione 2015 di cui quaranta italiane anche quella del barese Enrico Acciani, autore dello spot della campagna della Gazzetta del Mezzogiorno per i «Treni veloci sulla dorsale Adriatica»
Al via a Bari sesta edizione di «Cinema senza barriere»
Giovane regista barese con un «corto» a Cannes
di Marianna Iandolo

BARI - È un appuntamento attesissimo durante l’anno dai filmmakers di tutto il mondo. Un momento, all’interno del Festival de Cannes (13-24 maggio 2015), a cui ormai da più di dieci anni, registi di cortometraggi e produttori ambiscono a partecipare per presentare i loro film e sperare di compiere passi decisivi per la loro futura carriera. È lo «Short Film Corner», sezione fuori concorso legata al mercato cinematografico del Festival e vetrina internazionale per la promozione dei corti.

Migliaia di opere brevi inviate, poco più di mille selezionate per l’edizione 2015 di cui quaranta italiane, una pugliese: Blasé, del barese Enrico Acciani.

Classe 1994, timido studente alla Facoltà di Storia e Scienze Sociali dell`Università degli Studi di Bari, Acciani è appassionato di preproduzione, regia e montaggio. A diciotto anni partecipa a un concorso aperto a tutte le forme d’arte sul tema «Donarsi», indetto dall`AIDO, Associazione italiana per la donazione degli organi, tessuti e cellule, ottenendo con il suo spot una menzione speciale. Sempre nel 2013, gira il video pubblicitario a sostegno della campagna promossa dalla Gazzetta del Mezzogiorno per l'Alta Velocità ferroviaria sulla dorsale Adriatica, in cui sono coinvolti anche noti attori come Rocco Papaleo e Riccardo Scamarcio. L’anno scorso, partecipa, in qualità di operatore, alla realizzazione del docufilm di Mario Bucci, Una meravigliosa stagione fallimentare, tributo alla felice avventura del Bari calcio, che nel 2013/14 ha sfiorato la promozione nella massima serie, pur penalizzata dalla critica situazione finanziaria. A febbraio cura per l’agenzia Switch On Comunicazione & Media, la regia di BariDeeCorsa, video in due parti, che ha riscontrato un enorme successo sulla rete con migliaia di visualizzazioni. Un progetto per la promozione della prima DeeJay TEN a Bari, la corsa non competitiva targata Radio DeeJay.

Lo scorso settembre, parte per Londra con un’idea precisa, che trascrive sul suo blocco appunti: fissare attraverso le immagini il tema del predominio dello spirito oggettivo su quello soggettivo, che, secondo il sociologo tedesco Georg Simmel, porta all’alienazione totale dell’individuo nelle grandi città. «L’uomo Blasé (letteralmente distaccato, indifferente, ndr) - racconta Enrico Acciani - è per Simmel un uomo incapace di provare emozioni a causa del continuo bombardamento di stimoli che gli giungono dalla metropoli. Un uomo che perde pian piano la propria essenza, si estrania, si isola, non comunica più in una società distratta dalle priorità economiche, a discapito dell’arte e di chi prova a distoglierla da questo sonno perenne». Acciani conosce bene Londra, sa come muoversi per cogliere quelle che gli sembrano sensazioni e sentimenti, che Narumi Mastroscianni, la protagonista del corto, con altri inconsapevoli interpreti, può realmente provare in una grande città. Le immagini sono coinvolgenti e mai banali; scorrono al ritmo di una musica struggente e inquietante, moderna e antica allo stesso tempo, montate con sapienza. L’opera prima del ventenne barese, prodotta dall’AncheCinema Srl, è anche in lizza per una menzione speciale a Cannes.

Acciani è anche impegnato in questi giorni nelle riprese della web serie Gentilissimi – da lui ideata e firmata e presto on line.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400