Martedì 22 Gennaio 2019 | 17:44

NEWS DALLA SEZIONE

Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
lA POLEMICA
Bari: Piccolo Teatro chiude, blitz con gli attori sul palco

Bari: Piccolo Teatro chiude, blitz con gli attori sul palco

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 
L'incidente
Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi della vecchia Filobus

Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi del vecchio Filobus

 
Dopo 6 anni
Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

 
La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 

Vitalizi e stipendi, l'affondo di Emiliano: uno scandalo Vendola: io ho lottato da solo

BARI – "Trovo inutile parlare di stipendi solo in termini di destinazione o donazione. Faccio questa proposta: non ci sia più un compenso per chi fa politica ma un indennizzo, se necessario, per la funzione svolta". Lo ha detto Michele Emiliano, segretario del Pd pugliese e candidato del centrosinistra a governatore della Puglia, parlando a Bari al termine di un incontro elettorale.
Vitalizi e stipendi, l'affondo di Emiliano: uno scandalo Vendola: io ho lottato da solo
BARI – "Trovo inutile parlare di stipendi solo in termini di destinazione o donazione. Faccio questa proposta: non ci sia più un compenso per chi fa politica ma un indennizzo, se necessario, per la funzione svolta". Lo ha detto Michele Emiliano, segretario del Pd pugliese e candidato del centrosinistra a governatore della Puglia, parlando a Bari al termine di un incontro elettorale.

"Sono disponibile – ha proseguito Emiliano – a discutere di questa proposta con gli altri due candidati (Francesco Schittulli per il centrodestra e Antonella Laricchia per il M5S, ndr). Chi, una volta eletto, può continuare a svolgere il proprio lavoro, potrà ricoprire gratis il proprio ruolo politico, ma se qualcuno è obbligato per legge o dal contesto ad andare in aspettativa o a rinunciare al compenso professionale, si preveda una sorta di indennizzo per il mancato guadagno". Questo indennizzo, ha spiegato Emiliano, deve "avere un tetto, oscillando da un minimo di stipendio pari a quello di un funzionario pubblico con categoria D3 ed un massimo pari a quello dell’indennità del sindaco di una città metropolitana".

Emiliano ha definito tutto questo "una sfida. Anzichè chiacchierare su stipendi – ha detto ancora – proviamo a riformulare e riscrivere il meccanismo. Il tutto senza prevedere vitalizi. Sono orgoglioso di non averne mai avuto uno; orgoglioso che non ne avrò mai uno. Quelle somme spaventose ed ingiuste che sono state liquidate ed incassate assieme ai vitalizi come indennità di fine mandato, fanno accapponare la pelle. Il fatto che nessuno abbia pensato in questi 10 anni d’intervenire su questo – ha concluso sull'argomento – è inaccettabile. Sia chiaro che tutta questa situazione non esisterà più in futuro".

LA REPLICA DI VENDOLA: SONO RIMASTO SOLO IN QUESTA BATTAGLIA
"Se io fossi stato aiutato, perchè non ero molto aiutato dalla politica ed ero in solitudine talvolta a fare quella battaglia, avremmo più facilmente potuto intervenire sui tagli". Lo ha detto il leader di Sel e presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, parlando con i giornalisti e replicando al segretario del Pd pugliese e candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ieri definendo "imbarazzanti le somme di vitalizi e indennità di fine rapporto" aveva accusato la politica di non aver cambiato nulla negli ultimi 10 anni "se non la situazione patrimoniale degli eletti".
Per Vendola in questi anni si è invece operato: "Se chi aveva responsabilità politica avesse parlato allora e non soltanto oggi avremmo più facilmente potuto intervenire per i tagli necessari, senza eccedere però in demagogia. Noi abbiamo cancellato i vitalizi, bloccato al 2013 le liquidazioni e nel corso del tempo – ha spiegato –  soprattutto per un impegno mio abbiamo limato le indennità. Naturalmente se io fossi stato aiutato, perchè non ero molto aiutato dalla politica, ed ero in solitudine talvolta a fare quella battaglia, avremmo più facilmente potuto intervenire per i tagli".
"Ricordo a tutti – ha concluso Vendola – che la Puglia è l'unica Regione d’Italia che non è finita coinvolta nello scandalo di 'rimborsopolì, perchè evidentemente abbiamo gestito con oculatezza i soldi dei cittadini pugliesi. Il 'caso Puglià è un caso positivo insomma. Qui non ci sono state le mutande verdi, lingotti d’oro e diamanti comprati con i soldi dei cittadini. Di questo fatto positivo mi sento molto responsabile perchè è stata decisiva l’azione della giunta regionale". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400