Lunedì 18 Febbraio 2019 | 08:47

NEWS DALLA SEZIONE

L'elezione
Bari, l'ex campione mondiale di canottaggio Verroca è il nuovo presidente

Bari, l'ex campione mondiale di canottaggio Verroca è il nuovo presidente del circolo Barion

 
L'incidente a Locri
Bari, tifoso esulta per il gol del Bari e precipita nel vuoto: è grave

Locri, tifoso barese esulta dopo il gol di Di Cesare e precipita nel vuoto: grave Vd

 
Da piazza del ferrarese
Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

 
Società
Un albo per le prostitute: la proposta veneta e le reazioni

Un albo per le prostitute: la proposta veneta e le reazioni

 
L'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
La denuncia sui social
Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

 
Controlli
Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

Chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

 
Running heart
Bari, occhio al traffico e ai divieti: domenica c'è la Corsa del cuore

Bari, occhio al traffico e ai divieti: domenica c'è la corsa del cuore

 
L'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
Con il sindaco
Putignano, Gabrielli sigla accordo per la nascita di un nuovo commissariato di polizia

Putignano, Gabrielli sigla accordo per la nascita di un nuovo commissariato di polizia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'elezione
Bari, l'ex campione mondiale di canottaggio Verroca è il nuovo presidente

Bari, l'ex campione mondiale di canottaggio Verroca è il nuovo presidente del circolo Barion

 
TarantoSi è impiccato
Taranto, si uccide in carcere 78ene che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

Taranto, si uccide in carcere 78enne che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

 
FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
BatLa protesta
Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

Lavori al Petruzzelli nuova inchiesta sui 13 milioni spariti

di MASSIMILIANO SCAGLIARINI
BARI - L’ipotesi madre è nota da tempo: il commissario per la ricostruzione, quell’Angelo Balducci a giudizio per l’ormai famosa «cricca», gonfiò di 13 milioni i costi per l’appalto del teatro Petruzzelli di Bari. La vicenda è il fulcro di un’inchiesta già chiusa, nata a Firenze e poi trasferita a Roma. Ora i «postumi» di quella indagine sono approdati a Bari
Lavori al Petruzzelli nuova inchiesta sui 13 milioni spariti
di Massimiliano Scagliarini

BARI - L’ipotesi madre è nota da tempo: il commissario per la ricostruzione, quell’Angelo Balducci a giudizio per l’ormai famosa «cricca», gonfiò di 13 milioni i costi per l’appalto del teatro Petruzzelli di Bari. La vicenda è il fulcro di un’inchiesta già chiusa, nata a Firenze e poi trasferita a Roma. Ora i «postumi» di quella indagine sono approdati a Bari, i un nuovo fascicolo che mira ad accertare le responsabilità di chi insieme a Balducci spese 42 milioni a fronte dei 29 disponibili: ma per ricostruire il quadro bisogna prima reperire i documenti.

Ed è per questo che il sostituto procuratore di Bari, Domenico Minardi, ha mandato i carabinieri alla Regione e nella sede della ex Provincia (oggi Città metropolitana di Bari) per cercare gli atti con cui furono disposti i finanziamenti che hanno coperto parte del buco di 13 milioni: in particolare, un accordo per erogare 1,3 milioni che «dovrebbe trovarsi» - dice il decreto di esibizione - nella sede di uno dei due enti.

L’inchiesta romana, condotta dai carabinieri del Ros, ipotizza che Balducci tramò - abusando dei poteri di Protezione civile - per far assegnare i lavori alla Sac di Roma e in cambio «otteneva in corrispettivo da Emiliano e Claudio Cerasi (rispettivamente socio di maggioranza e amministratore dellegato della Sac), per il tramite di Anemone (un altro degli indagati) ripetuti finanziamenti finalizzati a produrre opere cinematografiche nelle quali inserire il figlio, Lorenzo Balducci, nel ruolo di interprete». L’inchiesta barese (nella quale ci sarebbe già almeno un indagato) parte da qui e mira a capire, assorbendo a quanto pare anche alcuni esposti piuttosto dettagliati e rimasti in un cassetto per anni, come sono stati utilizzati quei 13 milioni spesi in più: la relazione di Balducci li giustificò con i nuovi lavori antisismici (3,3 milioni), le decorazioni (1 milione), nonchè gli impianti, il rifacimento della cupola e gli arredi per i quali furono spesi 1,3 milioni in più rispetto ai 4 milioni previsti. Dopo che enti locali, Regione e ministero dei Beni culturali misero mano alla cassa, il buco è sceso a circa 6,6 milioni. Le imprese (con la Sac era in Ati la Conscoop, a sua volta rappresentata dall’impresa Barozzi di Altamura) hanno tentato di recuperare i soldi attraverso un decreto ingiuntivo, decreto che è stato recentemente annullato da un giudice civile proprio perché quando dispose i lavori Balducci agì «in assenza di copertura finanziaria». Tanto che a settembre 2014 il Tribunale di Roma ha disposto una confisca di beni a carico di Balducci e dei suoi familiari, cui a gennaio 2014 erano stati sequestrati esattamente 13 milioni di euro.

L’inchiesta di Roma, però, non ha chiarito «come» sono stati spesi quei soldi limitandosi ad ipotizzare - il processo è in corso davanti all’Ottava sezione penale - l’intervento sulle procedure di appalto allo scopo di favorire le imprese amiche per ottenere favori. Su questo il Ros dei carabinieri, delegato dalla Procura di Roma (che a sua volta aveva ricevuto le carte da Firenze) lo scorso anno ha mandato una informativa a Bari. È questa, con ogni probabilità, la scintilla che ha innescato le nuove indagini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400