Lunedì 21 Gennaio 2019 | 02:45

NEWS DALLA SEZIONE

La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

Ferimento a Capurso si costituisce ricercato

BARI - E’ finita la fuga di Michele Pagone, 22enne con piccoli precedenti di Capurso, accusato del tentato omicidio del 45enne sorvegliato speciale Onofrio Pentassuglia avvenuto la sera del 15 marzo scorso, a seguito di un violento pestaggio subito dalla vittima
Ferimento a Capurso si costituisce ricercato
BARI - E’ finita la fuga di M. P., 22enne con piccoli precedenti di Capurso, accusato del tentato omicidio del 45enne sorvegliato speciale Onofrio Pentassuglia avvenuto la sera del 15 marzo scorso, a seguito di un violento pestaggio subito dalla vittima.

Dopo le serrate ricerche degli investigatori, l’uomo ha deciso di costituirsi presso la Casa circondariale di Bari dove gli è stato notificato il provvedimento di fermo emesso dalla Procura della Repubblica di Bari.

Determinanti per l’identificazione sono state le immagini di alcune telecamere di sorveglianza poste nei pressi del bar dove è avvenuta l’aggressione e il successivo ferimento con un colpo di fucile.

Il fermo è stato poi convalidato dal giudice per le indagini preliminari che ha disposto la custodia cautelare in carcere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400