Venerdì 18 Gennaio 2019 | 23:27

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 
L'evento
Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

 
Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 

Enel conferma chiusura  entro aprile centrale Bari

ROMA - Il responsabile Italia ribadisce la volontà: un piano dettagliato nel giro di tre settimane, intorno al 20-25 aprile per le tre centrali più grandi e urbanizzate, vale a dire Genova, Livorno e Bari. Già aperto il dialogo con i sindaci.
Enel conferma chiusura  entro aprile centrale Bari
ROMA – L'Enel conferma la chiusura di 23 centrali ormai non più utilizzabili, per le quali annuncerà "un piano dettagliato nel giro di tre settimane, intorno al 20-25 aprile". Lo ha detto il responsabile Italia Carlo Tamburi nel corso di un convegno organizzato da Assorinnovabili e Althesys.

"Abbiamo constatato – ha spiegato Tamburi – che oggettivamente queste centrali sono senza speranza. Il nostro lavoro è dare un futuro a questi impianti con progetti di reindustrializzazione o anche di rivalutazione come musei, data center, centri commerciali, per non abbandonare un patrimonio". In particolare, per le tre centrali più grandi e urbanizzate, vale a dire Genova, Livorno e Bari, è stato aperto il dialogo con i sindaci.

Ad annunciare l’intenzione di chiudere era stato l’ad del gruppo elettrico, Francesco Starace, lo scorso autunno, assicurando che "non c'è nessuna criticità occupazionale per le 700 persone" coinvolte, che verranno ricollocate o andranno in pensione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400