Domenica 20 Gennaio 2019 | 14:53

NEWS DALLA SEZIONE

Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

Lutto nella Fisica accademica barese scomparso Sergio Natali

BARI – Lutto nella Fisica accademica barese: è scomparso Sergio Natali, ricercatore di statura internazionale e illustre docente dell’Università Aldo Moro. Per oltre cinquant'anni è stato un riferimento fondamentale per il mondo della Fisica italiana, oltre che per i suoi studenti e per i ricercatori del Dipartimento Interateneo di Fisica "Michelangelo Merlin", che in gran numero si sono formati sotto la sua guida
Lutto nella Fisica accademica barese scomparso Sergio Natali
BARI – Lutto nella Fisica accademica barese: è scomparso Sergio Natali, ricercatore di statura internazionale e illustre docente dell’Università Aldo Moro. Per oltre cinquant'anni è stato un riferimento fondamentale per il mondo della Fisica italiana, oltre che per i suoi studenti e per i ricercatori del Dipartimento Interateneo di Fisica "Michelangelo Merlin", che in gran numero si sono formati sotto la sua guida.

Livornese, era arrivato a Bari su invito del prof. Merlin nei primi anni '60, proveniente dall’Università di Padova dove si era laureato nel 1957. Durante un periodo trascorso al CERN di Ginevra era stato uno degli artefici della scoperta delle Correnti Neutre, risultato di enorme rilevanza per la Fisica delle Particelle. A Bari aveva fondato un vivace gruppo di ricerca che ha molto contribuito allo sviluppo della Fisica del neutrino con le mitiche Camere a Bolle "Gargamelle" e "BEBC" del CERN.

Fra pionieri della Fisica con i grandi acceleratori LEP e LHC del CERN, ha offerto contributi determinanti alla costruzione di ALEPH e CMS, i due giganteschi apparati che hanno consentito ai fisici baresi di conquistare una leadership internazionale. Ha anche ideato, progettato e realizzato la rete accademica metropolitana (RAM) che collega mediante fibra ottica tutti i plessi universitari del territorio cittadino.
Domani ci sarà il funerale alle 10 nella cappella dell’Ateneo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400