Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 09:58

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

Far west in piazza a Bitonto: condanne ridotte in appello

BARI - La Corte di Appello di Bari ha ridotto a 4 anni e 2 mesi di reclusione le pene inflitte ai due pregiudicati del clan Cipriani accusati di aver preso parte ad una sparatoria avvenuta il 2 luglio 2013 a Bitonto nella quale non fu ferito alcuno
Far west in piazza a Bitonto: condanne ridotte in appello
BARI - La Corte di Appello di Bari ha ridotto a 4 anni e 2 mesi di reclusione le pene inflitte ai due pregiudicati del clan Cipriani accusati di aver preso parte ad una sparatoria avvenuta il 2 luglio 2013 a Bitonto nella quale non fu ferito alcuno. In primo grado, nel marzo 2014 al termine di un processo con rito abbreviato, Michele Sabba, 20 anni, e Francesco Amendolara, 24 anni, erano stati condannati a 5 anni e due mesi di reclusione per i reati di tentato omicidio e porto illegale di arma da sparo. Per entrambi i giudici del secondo grado hanno ridotto le condanne.

Sabba è ancora detenuto in carcere per questi fatti, mentre Amendolara è agli arresti domiciliari. La Corte di Appello ha inoltre ridotto a 1 anno di reclusione da 2 anni e 8 mesi la condanna inflitta nei confronti del capo clan Michele Cozzella. Assolto in primo grado dal reato di tentato omicidio, è stato ora assolto anche dalla detenzione di armi, e condannato per la sola violazione della sorveglianza speciale. Per lui i giudici dell’Appello hanno disposto l’immediata scarcerazione.

I tre imputati furono identificati grazie ad una microcamera installata su un vicino esercizio commerciale. Stando al video Sabba e Amendolara impugnavano, in sella ad uno scooter, due delle tre armi usate nell’agguato (7 i bossoli recuperati dalla Polizia). Cozzella guidava l’altra moto con a bordo un minorenne. I proiettili, indirizzati ad un pregiudicato vicino al rivale clan Conte, fortunatamente non ferirono nessuno, conficcandosi su un bidone della spazzatura e sulle vetrine di un centro scommesse.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400