Giovedì 17 Gennaio 2019 | 03:55

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

Bari, pizzo sui cantieri 10 gli arresti per clan Di Cosola  Condizionavano le aste

BARI - In tutto sono meno di una decina le ordinanze di custodia cautelare, emesse dal giudice per le indagini preliminari di Bari su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Le indagini, condotte dai militari del Reparto operativo, sono partite da un pestaggio subito da un imprenditore nel dicembre 2013 dopo del quale furono arrestati otto affiliati al clan. Successivamente altri due imprenditori edili furono minacciati per ottenere denaro in cambio di protezione ai cantieri
Bari, pizzo sui cantieri 10 gli arresti per clan Di Cosola  Condizionavano le aste
BARI - Blitz dei Carabinieri contro esponenti del clan mafioso dei Di Cosola. In tutto sono meno di una decina le ordinanze di custodia cautelare, emesse dal giudice per le indagini preliminari di Bari su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Le indagini, condotte dai militari del Reparto operativo, sono partite da un pestaggio subito da un imprenditore nel dicembre 2013 dopo del quale furono arrestati otto affiliati al clan.

Successivamente altri due imprenditori edili furono minacciati per ottenere denaro in cambio di protezione ai cantieri. Le somme erano riferite ai singoli lavori e ogni cantiere aveva una sua tariffa che variava dai 1.000 ai 5.000 euro. Dagli atti di indagine è anche emerso che il clan era in grado d'imporre manodopera e forniture garantendosi così ulteriori guadagni.

L'inchiesta ha fatto poi emergere un nuovo e inquietante scenario: anche le aste giudiziarie erano finite nel mirino del clan. Le indagini hanno addirittura documentato un blitz in uno studio legale di Bari allo scopo di pilotare un'asta finalizzata alla vendita di alcuni lotti di terreno pignorati a un familiare di uno degli appartenenti al sodalizio mafioso. Gli ordini per condizionare le aste partivano persino da affiliati in carcere che attraverso familiari inviavano messaggi in codice.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400