Giovedì 17 Gennaio 2019 | 19:50

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

L’«Arca di Noè» in versione 2.0

di LEO MAGGIO
MODUGNO - Oltre 40 cani abbandonati e smarriti raccolti dalla strada, 5 riconsegnati ai proprietari, 26 meticci e 9 gatti fatti adottare insieme con altri 12 ospitati provvisoriamente in abitazioni private in attesa di adozione. A dare i numeri è la sezione modugnese dell’Anpana, l’Associazione nazionale protezione animali natura ambiente, che a sette mesi dalla sua costituzione traccia i primi bilanci
L’«Arca di Noè» in versione 2.0
di LEO MAGGIO

MODUGNO - Oltre 40 cani abbandonati e smarriti raccolti dalla strada, 5 riconsegnati ai proprietari, 26 meticci e 9 gatti fatti adottare insieme con altri 12 ospitati provvisoriamente in abitazioni private in attesa di adozione. A dare i numeri è la sezione modugnese dell’Anpana, l’Associazione nazionale protezione animali natura ambiente, che a sette mesi dalla sua costituzione traccia i primi bilanci.
Spike è il nome dell’ultimo meticcio raccolto dalla strada e dato in adozione a una famiglia del posto. Un nome che si aggiunge ai tanti randagi cui l’Anpana ha trovato casa, evitando loro di finire in un canile e anche di pesare sulle casse comunali.

«La nostra dottrina è ferrea - dice Luciano Romano, presidente dell’associazione -, il canile non esiste nella nostra filosofia, noi i cani dal canile li tiriamo fuori, non ce li portiamo». Una scelta evidentemente onerosa per le casse dell’associazione costretta a sobbarcarsi con frequenza quasi quotidiana costi importanti per le spese di sverminazione, antiparassitari, vaccini, cibo e cure mediche. Per questo i soci dell’Anpana hanno organizzato per domani, giovedì 5 febbraio, presso lo Shalter di via Roma, una «cena solidale pro randagi», finalizzata alla raccolta di fondi per sopperire alle difficoltà economiche in cui versa l’associazione.

«Siamo un gruppo di volontari - spiega Romano - e operiamo nella prevenzione e nel contrasto al randagismo. Per questo intendiamo sensibilizzare l’opinione pubblica rivolgendoci in particolare ai bambini e ai ragazzi - aggiunge il presidente -, perché l’ado zione dei randagi è un gesto di civiltà che educa al rispetto e alla tutela degli animali e dell’am - biente in generale». Tra gli obiettivi prioritari della onlus, quello di realizzare una struttura di primo intervento e assistenza per la salvaguardia, la tutela e la protezione degli animali.

«È un dovere civile e morale cui non possiamo sottrarci - rileva il presidente -. Non chiederemo nulla che non sia previsto dalle leggi vigenti in materia». Intanto, 26 volontari dell’associazione sono stati ammessi a frequentare il corso di guardie zoofile, in corso da metà gennaio nella sala «Beatrice Romita» del comando di Polizia Municipale. Le guardie zoofile sono concepite per affiancare gli organi pubblici e i vari corpi di vigilanza dello Stato e delle autorità locali. Sotto la loro direzione, infatti, provvedono alla vigilanza sull’osservanza delle leggi e dei regolamenti generali e locali relativi alla protezione degli animali, alla difesa del patrimonio zootecnico, faunistico e alla tutela ambientale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400