Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 19:19

NEWS DALLA SEZIONE

Sentenze tributarie pilotate
Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

 
La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 
L'incidente
Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi della vecchia Filobus

Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi del vecchio Filobus

 
Dopo 6 anni
Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

 

Barista e «talpa» per due rapinatori tre arrestati a Bari

BARI - Con la complicità di un dipendente 24enne di un bar di via Giulio Petroni a Bari all’orario di chiusura, armati di coltello hanno fatto irruzione nell’esercizio commerciale dove hanno immobilizzato il gestore e “guidati” dal complice si sono impossessati di 2600 euro in contanti per poi dileguarsi. Il basista incastrato dal suo cellulare
Barista e «talpa» per due rapinatori tre arrestati a Bari
BARI - Con la complicità di un dipendente 24enne di un bar di via Giulio Petroni a Bari all’orario di chiusura, armati di coltello hanno fatto irruzione nell’esercizio commerciale dove hanno immobilizzato il gestore e “guidati” dal complice si sono impossessati di 2600 euro in contanti per poi dileguarsi. Scoperti sono finiti in manette. Si tratta di due 21enni pluripregiudicati baresi che materialmente hanno commesso il “colpo” e di un 24enne incensurato barista barese arrestati dai carabinieri del Nucleo Radiomobile di Bari con l’accusa di concorso in rapina.

Intorno alle 23.30 due soggetti con il volto parzialmente travisato in corrispondenza dell’orario di chiusura del bar si sono improvvisamente introdotti nel locale dove hanno immobilizzato il gestore minacciandolo con il coltello. Nella circostanza hanno costretto il dipendente a consegnargli l’incasso della serata ed una cassaforte che si trovava nel seminterrato per un totale di 2600 euro dandosi immediatamente alla fuga.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri che sulla base della descrizione fornita da alcuni testimoni sono riusciti ad identificare i malfattori raggiungendoli e bloccandoli all’interno dell’abitazione di uno dei due mentre erano intenti a scassinare la cassaforte e suddividersi il bottino, interamente recuperato.

La conseguente attività investigativa ha consentito poi di raccogliere numerosi elementi di responsabilità anche sul conto del dipendente del bar la cui versione dei fatti non ha convinto i carabinieri consentendo di appurare che il “colpo” era stato meticolosamente organizzato con la sua complicità. Ad incastrarlo anche la presenza sul suo cellulare di qualche contatto telefonico avvenuto con uno dei rapinatori.

Dopo la convalida dell’arresto su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, i 21enni sono stati associati presso la locale casa circondariale mentre il 24enne collocato ai domiciliari. La refurtiva invece è stata interamente restituita al titolare dell’esercizio commerciale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400